Skip to content

Milano

Bibliobus: cos’è e dove trovarlo

© Christian ROBERT / Ville de Saint-Nazaire
© Christian ROBERT / Ville de Saint-Nazaire

Ho per anni vissuto l’emozione di andare in Biblioteca: prima quella della mia città, poi quelle delle città che andavo a visitare.
Ognuna con il suo stile, i suoi bibliotecari pronti a consigliare sulle letture, i suoi originali angoli dedicati ai bambini e le sue letture animate per i più piccoli.
Ed ora rimango incantata ogni volta che incrocio un Bibliobus.

Oasi Sant’Alessio: un’esperienza unica nella natura!

Oasi sant'alessio fenicotteri

Immergersi nella natura tra piante e tantissimi animali sia locali che tropicali a meno di un’ora da Milano: è davvero un’oasi, l’Oasi di Sant’Alessio, in provincia di Pavia.

Si entra direttamente nel Castello (era la residenza di caccia dei nobili Beccaria) sulla cui torre c’è un nido di cicogne: è spettacolare vederle così da vicino e in questo contesto!

Parco della Preistoria: una passeggiata tra dinosauri giganti!

Parco della preistoria Brontosauro

Il Brontosauro, il Tirannosauro, il Plesiosauro, il Velociraptor…
se sei il genitore di un figlio maschio, attorno ai (suoi) 3 anni inizi a diventare uno specialista di animali, di preistoria e naturalmente di dinosauri!
Non esisterà per te più “il dinosauro”, ma conoscerai nomi, caratteristiche e curiosità di ogni specie.

Sì, i bambini sono affascinati dal mondo di questi grandi animali estinti.
E’ una curiosità “sana” che li fa avvicinare attraverso il gioco alla conoscenza del tempo passato, del trasformarsi dell’ambiente e degli animali lungo la storia.

A Milano è possibile approfondire la conoscenza sui dinosauri visitando il Museo di Storia Naturale che conserva i reperti di scheletri di enormi dinosauri.

Ma non tutti sanno che alle porte di Milano, a circa 30 minuti di macchina, c’è un intero parco dedicato alla passione dei bambini: il Parco della Preistoria.

Brunch per famiglie cosmopolite

Madama Hostel Brunch per famiglie

Ci sono luoghi/locali che propongono eventi per tutti i gusti: serate di musica, di letture, di artisti, di semplice “movida”. Sono i locali che hai sempre cercato, testato, frequentato quando il venerdì era il momento di uscire con gli amici e buttarti senza remore tra la folla che vuole divertirsi.
Poi sei diventata mamma e le tue ricerche sono passata da “locali alla moda” a “locali family friendly” quindi con spazio per il passeggino, non troppo rumore, intrattenimento per i bambini.

E se ti dicessi che ho scovato un locale davvero “cool”, punto di ritrovo serale dei giovani designer (e non solo) in transito da Milano, che nel weekend accoglie le famiglie per un brunch a misura di bambini?

Visitare una città con i bambini: come organizzarsi

Visitare una città con i bambini

Visitare una città è un’esperienza che si può vivere con i bambini, anche piccoli?
Certamente sì! Come sempre, la parola d’ordine è “organizzazione”: un viaggio ben pianificato e con i giusti “aiuti” allontana l’ansia dei genitori più timorosi a vivere nuove esperienze con i bambini e può rendere un weekend di scoperta divertente per tutta la famiglia.

Che sia una città a pochi chilometri di distanza dalla propria casa o una località da raggiungere con un viaggio in aereo, questi sono semplici ma importanti accorgimenti che possono trasformare il viaggio in giornate piacevoli per adulti e bambini.

Asili aperti di sera: cosa succederà?

Asili aperti di sera
Asili aperti di sera: un utile servizio per i genitori che sta per diventare realtà o un ulteriore modo per “parcheggiare i bambini” in un ambiente non accogliente come la loro casa?

A Milano il dibattito è aperto: è su tutti i giornali la notizia che presto gli asili nido comunali potranno inserire questa iniziativa per dare ai genitori la possibilità un venerdì al mese, di dedicarsi una serata senza i figli che trascorrerebbero alcune ore in un luogo a loro conosciuto (il loro asilo) e con persone di fiducia quali le loro educatrici.
A Milano, come in tutte le grandi città, i genitori si trovano spesso soli, con nonni che vivono lontani e costi di baby-sitter alle stelle (oltre con la difficoltà di trovarne adatte alle proprie esigenze).
Il servizio che offrirebbe il comune è già attivo, con successo, in asili privati.

Eppure ci sono diverse considerazioni da valutare, come per es. i turni lavorativi delle educatrici e i costi nel mantenere le strutture aperte anche la sera.

Alice Arienta
Alice Arienta

Ho posto delle domande ad Alice Arienta, una delle consigliere comunali che sostengono la proposta, per capire meglio di cosa si tratta.