Skip to content

3 crowdfunding di genitori con un sogno

crowdfunding sogno

Il crowdfunding è un nuovo, geniale, modo per raccogliere online, in un tempo limitato, fondi per una causa di beneficenza, personale, culturale, di utilità sociale, etc.
Tutto ruota attorno a un’idea: chi ha un progetto si attiva per raccontarlo agli altri (conoscenti e non) e raccogliere sul web i soldi che gli servono per realizzarlo.
Vi avevo già parlato di progetti di crowdfundig per mamme; sono felice ora di parlarvi di 3 progetti 100% italiani, lanciati da genitori e a cui si può contribuire in questi giorni.

Come semplificare con il web la vita da mamma

Servizi mamma

Sono una mamma che vive in una grande città, sono sempre di corsa e il mio alleato principale è il web per districarmi tra tutte le cose da fare. Ti ritrovi anche tu in questa descrizione?

Allora puoi gioire insieme a me! Stanno infatti nascendo sempre più servizi per aiutare nella quotidianità le mamme nella loro vita offline: sono cioè siti che semplificano attraverso il web l’organizzazione di attività che poi si svolgono nella vita reale.

Vuoi capire meglio di cosa si tratta? Ecco 4 innovativi siti che aiutano le mamme!

Riviste per bambini: il primo abbonamento

Rivista Pimpa

Quando ero bambina aspettavo fremendo il postino: andavo su e giù dalle scale del condominio per vedere nella cassetta della posta se era arrivata. Cosa? La mia rivista!
Da quando ho iniziato a leggere sono stata sempre abbonata ad almeno 1 rivista: all’inizio ovviamente si trattava dei giornali per bambini, poi quelli dei teenagers per arrivare a quelli di politica e anche a quelli più “modaioli”, fino a quelli per le neomamme.

L’appuntamento fisso con le rubriche preferite e la lettura degli argomenti di cui sono più interessata è per me una di quelle piccole gioie che danno sapore alla quotidianità.

Mio figlio proverà lo stesso entusiasmo e le mie stesse emozioni nello sfogliare i giornali? Non lo so, e non lo pretendo. Ma sicuramente ho il dovere e il piacere di accompagnarlo nel mondo della lettura in modo coinvolgente, nella frizzante aspettativa di quando si toglie dal cellophane l’ultimo numero della rivista preferita e si inizia a scoprire quali articoli contiene.

Mi sono interrogata come cercare di trasmettere, senza forzature, questa abitudine a mio figlio, con un approccio ovviamente soft e coinvolgente.

Asili aperti di sera: cosa succederà?

Asili aperti di sera
Asili aperti di sera: un utile servizio per i genitori che sta per diventare realtà o un ulteriore modo per “parcheggiare i bambini” in un ambiente non accogliente come la loro casa?

A Milano il dibattito è aperto: è su tutti i giornali la notizia che presto gli asili nido comunali potranno inserire questa iniziativa per dare ai genitori la possibilità un venerdì al mese, di dedicarsi una serata senza i figli che trascorrerebbero alcune ore in un luogo a loro conosciuto (il loro asilo) e con persone di fiducia quali le loro educatrici.
A Milano, come in tutte le grandi città, i genitori si trovano spesso soli, con nonni che vivono lontani e costi di baby-sitter alle stelle (oltre con la difficoltà di trovarne adatte alle proprie esigenze).
Il servizio che offrirebbe il comune è già attivo, con successo, in asili privati.

Eppure ci sono diverse considerazioni da valutare, come per es. i turni lavorativi delle educatrici e i costi nel mantenere le strutture aperte anche la sera.

Alice Arienta
Alice Arienta

Ho posto delle domande ad Alice Arienta, una delle consigliere comunali che sostengono la proposta, per capire meglio di cosa si tratta.

Pausa caffè: cosa le mamme vogliono

pausa caffè mamme

Cara Mamma Natale,
scrivo a te perché sono sicura che mi capirai.
Potresti esserci anche tu ogni mattina quando, con le mie colleghe mamme, ci troviamo alla macchina del caffè per cercare nel nostro “oro nero” l’energia per affrontare la seconda parte della giornata (perché la prima, quella del “su, sveglia, è tardi”, “bevi il latte e non buttare i biscotti per terra”, “no, la tua maglia di Batman oggi è da lavare, non puoi metterla”, l’abbiamo già superata).
E’ il momento dei bilanci della serata e nottata precedenti: dei capricci, delle malattie portate a casa dall’asilo, del conteggi delle poche ore in cui abbiamo dormito, delle corse fatte/da fare per arrivare puntuali a prendere i figli a scuola.

Un regalo per Natale ce lo meritiamo anche noi, no?
Allora ti chiedo questo: una macchina del caffè per me e le mie colleghe mamme.
Non perché non ce ne abbiamo già una, ma perché il classico caffè temo proprio che non sia sufficiente per aiutarci ad affrontare altri 365 giorni.
Sarebbe necessario fare delle piccole modifiche alla macchina che abbiamo: saremmo felicissime.

Ecco cosa ci servirebbe:

Natale 2016: i regali più desiderati

Regali più desiderati

Chi se l’appunta su post-it, chi sullo smartphone, chi organizza un foglio Excel, chi semplicemente cerca di ricordare tutto a memoria: fatto sta che ogni anno arriva il tempo di fare la lista dei regali… su cosa regalare al figlio, al marito, al nipote, ai nonni, ai colleghi.

E quando ci si ritrova nel momento in cui si deve abbinare l’elenco a regali concreti, la lista dei regali si trasforma in un problema oltretutto con scadenza a breve termine.

L’online ormai negli ultimi anni è la salvezza: si può acquistare 24 ore su 24, senza code infinite alle casse e leggendo, in contemporanea alla scelta dell’acquisto, l’opinione di altri utenti.
E proprio da uno dei maggiori siti di e-commerce, Ebay, ci arriva un aiuto in più: ci svela infatti cosa desiderano maggiormente gli italiani nel momento in cui devono fare (o ricevere) i regali di Natale.