Skip to content

Attività Montessori per mamme poco creative (come me)

Toucanbox scatola kit

Desidero che mio figlio cresca sereno e possa accompagnarlo alla scoperta del mondo con divertimento e creatività.
Cerco per lui giochi educativi e il più possibile “naturali”, e per questo adoro la filosofia montessoriana che mi dà spunti semplici ma importanti su come trascorrere il tempo con mio figlio.

Rewind, riavvolgiamo il nastro. E vi dico la verità.

Perché questo è quello che desidero ma sono ahimè una mamma poco creativa, soprattutto con pochissima attitudine e poco paziente nel fare attività manuali con mio figlio, dalle attività con gli oggetti di riciclo ai classici lavoretti in cui lo desidero impegnato ma che non so come organizzare.

In più consideriamo il fattore tempo: quando leggo tutti i materiali che servono per un gioco di manualità/costruzione inizio a pensare a tutti i giri che dovrei fare tra cartolerie e mercerie per trovarli, so già che quel gioco non lo proporrò mai.

Quella perfezione che non c’è

Perfezione tramonto Cagliari

No, non ce la fai: per quanto allunghi la mano per raggiungerla, per quanto resisti, per quanto pensi di farcela, tu, cara mamma, correrai senza sosta verso una vetta che non riuscirai mai a conquistare.

Sì, quel peso tra testa e stomaco che si contorce dentro di te non ti abbandonerà nel raggiungere quello che non riesci ad afferrare. Perché là, in quello stato di perfezione a cui ti hanno abituata e ti sei immaginata, nessuno in realtà ci abita.

Per essere la più a brava a scuola ti è stato sufficiente studiare molto.
Per presentarti con serietà, prima degli incontri importanti hai scelto con cura i vestiti da indossare.
Per essere sempre informata hai letto molto, hai approfondito con continuità, hai fatto ricerche.
Per avere una casa i accogliente, hai dedicato ore al riordino.
Per non farti sfuggire un’email, una deadline, una telefonata da fare ti sei sempre organizzata con precisione e dedizione.
Per prepararti alla vita, e anche al crescere un bambino, hai seguito corsi e fatto i conti con la pedagogia.

E poi sei diventata mamma.

La distanza tra te e il come volevi essere è diventata insostenibile.
Qualcosa è scivolato via da te, cadendo sempre più in picchiata. E il recupero è diventato impossibile.

5 cose che devi assolutamente sapere per una vacanza perfetta con i tuoi figli

Vacanze bambini

Vacanze = gioie e dolori.

Gioie perché è il periodo tanto atteso dell’anno, in cui ci si sogna nelle mete desiderate a trascorrere il proprio tempo in libertà (in relax o in movimento, a secondo dei gusti).
Dolori per i costi, per le strutture da scegliere, per trovare un accordo tra le esigenze dei genitori e quelli dei figli.

Ho parlato di questo argomento durante un workshop con HomeAway, leader nell’affitto di case vacanze online, che ha svolto un’indagine per far emergere cosa desiderano le famiglie (con bambini dai 6 ai 18 anni) per le loro vacanze.

Da dove iniziare per non trasformare la scelta delle vacanze in un’attività stressante?

Cambiare città con i figli: i consigli di chi l’ha fatto

Cambiare città bambini

Scegliere di cambiare città e iniziare una nuova vita: è il desiderio di molti, il cambiamento di molte coppie, la realizzazione di poche famiglie.
Perché se cambiare è un desiderio di moltissimi, affrontare le difficoltà di un’interruzione della routine per un nuovo inizia blocca le intenzioni della maggior parte dei “sognatori”, ancor di più se si tratta di famiglie con bambini.

Eppure oggi, con la fluidità della vita, la facilità degli spostamenti, degli strumenti web che incentivano il telelavoro e la continuazione dei rapporti, la dinamicità dei nuovi genitori cresciuti tra viaggi e spirito di un veloce adattamento, sempre più famiglie fanno “il salto”.

Ho chiesto ad alcune di queste mamme come hanno affrontato il loro cambiamento e quali consigli vogliono dare alle famiglie che stanno pensando di vivere la stessa esperienza.

Bibliobus: cos’è e dove trovarlo

© Christian ROBERT / Ville de Saint-Nazaire
© Christian ROBERT / Ville de Saint-Nazaire

Ho per anni vissuto l’emozione di andare in Biblioteca: prima quella della mia città, poi quelle delle città che andavo a visitare.
Ognuna con il suo stile, i suoi bibliotecari pronti a consigliare sulle letture, i suoi originali angoli dedicati ai bambini e le sue letture animate per i più piccoli.
Ed ora rimango incantata ogni volta che incrocio un Bibliobus.

Oasi Sant’Alessio: un’esperienza unica nella natura!

Oasi sant'alessio fenicotteri

Immergersi nella natura tra piante e tantissimi animali sia locali che tropicali a meno di un’ora da Milano: è davvero un’oasi, l’Oasi di Sant’Alessio, in provincia di Pavia.

Si entra direttamente nel Castello (era la residenza di caccia dei nobili Beccaria) sulla cui torre c’è un nido di cicogne: è spettacolare vederle così da vicino e in questo contesto!