Skip to content

Viaggi

Musei per famiglie in Sardegna: Parc e Museo del Cavallino della Giara

Nell’immaginario comune Sardegna=vacanza di solo mare.
Naturalmente le spiagge dell’isola sono meravigliose e dalla primavera all’autunno la Sardegna accoglie turisti da tutto al mondo che vogliono immergersi nel suo mare da sogno.

Ma un viaggio sull’isola può essere l’occasione anche per conoscere la sua storia, le sue tradizioni, le sue particolarità geomorfologiche e ammirare zone, anche distanti dal mare, con paesaggi da sogno.

Ad un’ora da Cagliari vi è un territorio totalmente da scoprire e ammirare. Avevo sentito spesso parlare della zona di Genoni e ho da poco sperimentato che ha interessanti proposte per vivere con tutta la famiglia visite particolari, uniche in tutta l’isola (e non solo).

Pronti a scoprirle insieme? Noi siamo andati a “testarle” con Milena Marchioni del blog “Bimbi&Viaggi”: ecco il tour che vi consigliamo.

Visitare Genoni

Inserite nel navigatore “Genoni” e arriverete in questo piccolo paesino arroccato su un’altura che regala una vista spettacolare sulle campagne circostanti.
Seguendo le frecce delle indicazioni arrivate al Parc Museo Genoni, dove è possibile parcheggiare.

Qui incontrerete le guide, capitanate da Michele Zucca, Direttore del Museo e appassionato divulgatore, felice di raccontare la storia e le curiosità del suo territorio.

Iniziando la visita le famiglie possono scegliere 2 opzioni: iniziare tutti insieme la visita museale oppure i bambini possono fermarsi per essere guidati da educatori in laboratori didattici. Avete mai trovato un museo più family friendly di questo, con educatori sempre disponibili a intrattenere i bambini mentre voi seguite la visita? 😉

Laboratori didattici al Parc Museo Genoni

Laboratorio Parc Museo del cavallino della Giara

Laboratorio “Piccolo paleontologo”

Il sogno di tutti i bambini, soprattutto quelli amanti dei dinosauri: scavare per trovare fossili. E qui possono farlo davvero, non con ricostruzioni, ma lavorando su rocce contenenti veri fossili! Infatti tutta la zona di Genoni ha una particolarità: pur non essendo ora sulla costa, qualche milione di anni fa qui c’era un mare tropicale. E si trovano rocce con impressi fossili di origine marina: da conchiglie, denti di pesci a piccoli invertebrati, e tante altre sorprese.
All’interno del laboratorio didattico, con veri strumenti da paleontologo adattati per essere usati in tutta sicurezza anche dai più piccoli, i bambini esaminano le rocce con scalpelli, pennelli, una macchina per rompere la roccia senza danneggiare il fossile, microscopi.

Laboratorio paleontologo Laboratorio Parc della Giara

Mio figlio, appassionato di dinosauri, alla fine di questa attività ha potuto anche approfondire, attraverso libri e un grande grafico posto a terra dell’aula didattica, l’evoluzione dei dinosauri e il lavoro della ricerca di fossili. Le educatrici Roberta Carta e Virginia Secci sono state super!

campo-estivo-del-piccolo-paleontologo-min

E in più… Per i bambini che amano particolarmente queste attività c’è la possibilità di frequentare i Campus Estivi a tema “piccolo paleontologo/archeologo”: 1 giornata o 3 giornate con pernottamento in cui si gioca “sul serio” ad andare alla ricerca di fossili e reperti storici. I campus sono adatti a bambini dai 7 ai 12 anni che possono vivere così un’esperienza unica con cacce al tesoro, giochi e kit da piccolo paleontologo/archeologo.

Museo del Cavallino della Giara

dav

Mentre i bambini svolgono il laboratorio, gli adulti e i bambini che preferiscono rimanere con i genitori e approfondire la storia del territorio, vengono guidati a piedi (5 minuti) nel vicino Museo del Cavallino della Giara, ospitato nella grande casa che era di un ricco abitante del paese.

Agriturismi vicino a Cagliari per famiglie

agriturismi cagliari

Immancabile per chi trascorre una vacanza in Sardegna, un pranzo o una cena presso un agriturismo. Qui si possono gustare i piatti tipici (maialetto, ravioli, culurgiones) realizzati con ingredienti genuini e con ricette originali.
E’ come entrare in una casa sarda e assaggiare le specialità culinarie che la famiglia si tramanda da generazioni.

Sono spesso posti rustici ma genuini, dove l’accoglienza, il calore, la bontà dei piatti, i costi contenuti sono i fiori all’occhiello.
E’ l’occasione anche per trascorrere un pranzo o una cena in strutture che presentano ampi spazi esterni dove i bambini possono correre e giocare.

E’ però doveroso un alert: se avete bimbi piccoli sappiate che è molto raro trovare in queste strutture un fasciatoio ed è bene, quando si prenota, chiedere la disponibilità di seggioloni.

Ho selezionato strutture che si trovano attorno alla città di Cagliari, molto frequentate anche dalle famiglie sarde che amano trascorrere una domenica appena fuori dalla città.
L’elenco è in continuo aggiornamento: se volete segnalare altri agriturismi a misura di famiglie scrivete a mammaincitta@gmail.com!

Impostate il navigatore della vostra macchina (spesso per trovare le strade giuste per arrivare negli agriturismi è tutt’altro che semplice!) e buon pranzo/cena con tutta la famiglia!

Natale 2018 – Regali per bimbi e famiglie viaggiatori

La navigazione si trasforma in una caccia. Si digita su Google “regalo bambini” o “regalo neogenitori” o ancora “regali low cost” e si salta da un sito all’altro in cerca di ispirazione per i doni natalizi o di compleanno. Tic tac, tic tac, il tempo stringe e la missione è da concludersi sempre più in fretta.

Io ho raccolto un po’ di idee per regali per bambini e famiglie che amano girare, conoscere la propria città… e non solo!

PER BAMBINI CURIOSI

Libro Mappe

mappe

Come preparare un piccolo viaggiatore e farlo viaggiare prima di tutto con la fantasia? Con uno splendido libro illustrato di mappe per per conoscere il mondo! Eccone uno adatto proprio ai bimbi: “Mappe”, Electa Kids. Puoi acquistarlo qui.

Libro “Il Lupo che voleva fare il giro del mondo”

Lupo

Per i più piccoli, un libro stupendo, da leggere e rileggere: “Il lupo che voleva fare il giro del mondo“. Racconta di un lupo che attraversa tutto il mondo per conoscere le particolarità dei Paesi: a Londra viene addirittura invitato dalla Regina a bere un tè insieme e in Nepal incontra una Yeti che si innamora di lui! E’ molto divertente e attraverso il racconto che attrae molto i bambini (anche attraverso le illustrazioni) insegna usi e costumi dei luoghi attraversati.

Lo puoi acquistare su Amazon.

Leolandia: informazioni pratiche per visitare il Parco

Leolandia_SuperPigiamini

Sì, ce l’abbiamo fatta: siamo stati a Leolandia!
Ve lo dico subito: il Parco non delude le aspettative (di bambini e genitori).
Le attrazioni sono molte, interattive, gli spazi sono ampi e non c’è ressa.
I bambini incontreranno i loro beniamini e i più grandi saranno conquistati dall’atmosfera magica ricreata nel Parco.

Ma andiamo con ordine: vi riporto le risposte a tutti i quesiti che io stessa mi ero posta prima di entrare nel Parco divertimenti più famoso d’Italia.

Biglietti Leolandia: come risparmiare

Il prezzo dell’entrata al Parco non è fisso. Significa che se l’acquisterai il giorno stesso in biglietteria spenderai 39,50 a persona e 33,50 ridotto (da 90 a 119cm, forze dell’ordine, over 65, donne in gravidanza e accompagnatori di diversamente abili con invalidità 100%).
Ma se lo acquisti online sul sito di Leolandia con l’opzione “data fissa”, cioè scegliendo anticipatamente la data in cui andrai, potrai risparmiare molto. Infatti prima acquisterai il biglietto, più risparmierai (pagando il biglietto intero anche 20 euro circa).
Se nel giorno da te scelto ti sveglierai con il brutto tempo, Leolandia ti darà la possibilità di “recuperare” l’entrata: ti potrai recare nel Parco lo stesso, usufruire di tutte le attrazioni al chiuso, e al termine ti verrà regalato un biglietto per ognuno acquistato, per tornarci entro un mese.

L'entrata di Leolandia in versione Halloween
L’entrata di Leolandia in versione Halloween

Sardegna in miniatura: il parco divertimenti più grande della Sardegna

Sardegna-in-miniatura1

Sardegna non significa solo sole e mare.
Vi ho raccontato per esempio cosa poter fare in Sardegna di alternativo con i bambini nel post “6 esperienze da fare in Sardegna con i bambini”, per scoprire l’isola e vivere esperienze originali.

Ma in Sardegna c’è anche un parco divertimenti che si sta rinnovando ogni anno e sta diventando un importante polo non solo di divertimento ma anche didattico della regione.

Una visita con i bambini vale sicuramente!

Cosa vedere a Sardegna in Miniatura

Il nome può trarre in inganno: infatti “Sardegna in miniatura” non è solo una riproduzione in scala dell’isola, l’attrazione originaria del sito, ma è anche un planetario (in collaborazione con l’Osservatorio Astronomico di Cagliari), un parco dei dinosauri, la ricostruzione di un villaggio nuragico, e, novità 2018, un ecosistema tropicale ricostruito con flora e fauna della foresta.

Parc Animalier: il parco degli animali di montagna

Parc-Animalier4

Noi mamme di città siamo solite a cercare fattorie didattiche dove portare i bambini a vedere gli animali: mucche, conigli, galline, caprette. I bambini si esaltano a vedere gli animali che abitualmente vedono sui libri rappresentati attraversi i loro giochi, oltre a scoprire l’origine di alimenti come latte, uova, formaggio.

La curiosità dei bambini verso il mondo animale è molto comune: gli animali affascinano i bambini di tutte le età che man mano crescendo conoscono sempre più specie e caratteristiche della fauna attorno a loro.

Seppur presenti nel nostro territorio nazionale, è però più difficile venire a contatto con gli animali tipici delle zone montane perché per vederli spesso è necessario fare camminate su percorsi non adatti a bambini, o sentieri troppo lunghi per loro o in zone non comode da raggiungere.

Questi animali però dal 2005 sono visibili in un parco vicino ad Aosta, il Parc Animalier.
Si tratta di un parco organizzato in un bosco su una collina accanto a Introd.
Qui è possibile ammirare flora e fauna tipici dell’habitat montano, in un ambiente il cui è obiettivo è preservare animali tipici dell’arco alpino come il camoscio, lo stambecco, la marmotta e diversi tipi di rapaci.