FamilyFriendly,  Tempo libero,  Viaggi

Parchi divertimento: come risparmiare

Parchi divertimento

Li amiamo perché ci fanno tornare bambini, li odiamo per le lunghe file, la folla, i prezzi.
Eppure non ci tiriamo indietro: noi genitori, per la gioia dei nostri figli, cerchiamo dei parchi divertimento per organizzare, soprattutto con la bella stagione, giornate di svago da vivere insieme a tutta la famiglia.

Esiste l’organizzazione perfetta? Non so, ma qui condivido con voi alcuni suggerimenti per rendere l’esperienza senza stress e soprattutto… il più possibile low cost!

Pranzo al sacco

Gran parte dei parchi divertimento, dai più piccoli a quelli più estesi e famosi, hanno al loro interno un’area dedicata per fare un pic nic.
Infilando nello zaino prima di partire del pane, affettati, succhi di frutta, si potrà pranzare all’aria aperta appena i bambini inizieranno ad aver fame, senza fare lunghe file ai bar interni ed evitando di spendere una fortuna per il pasto.

Organizzare un gruppo

Il vero risparmiatore lo sa: viaggiare in gruppo è il segreto del low cost.
Lanciando per esempio la proposta di visitare un parco divertimenti all’interno della chat di classe, è facile raccogliere l’adesione di 4-5 famiglie con cui condividere la giornata: si suddivideranno così i costi del viaggio (benzina, autostrada) e del biglietto d’ingresso (molti parchi divertimento applicano sconti per gruppi di almeno 15 persone).

Portare giochi da casa

Delle vere e proprie “trappole per genitori” che accompagnano i bambini nei parchi divertimento sono i negozi di souvenir a tema con il parco. Messi ben fila ad “altezza di bambino”, i gadget elettrizzano i più piccoli che sul più bello della giornata possono scoppiare in lacrime (e capricci) perché vogliono ardentemente un peluche in vendita a prezzi stellari.
Una soluzione efficace è portarsi da casa giochi (ancor meglio se a tema del parco che si va a visitare) con cui i bambini potranno giocare durante le file, il pranzo, i momenti di attesa o stanchezza.

Portare protezione solare

Se a metà giornata ti accorgi che il viso di tuo figlio sta diventando paonazzo per il sole e ti fiondi a cercare una crema solare last second, potresti subire una scottatura non solare, ma per il prezzo richiesto per la “salvezza” del tuo bambino.
E’ preventivo e sicuro, sia per la pelle che per il portafoglio, infilare nello zaino una crema solare acquistata precedentemente. Stessa cosa anche per un buon anti-zanzare, utile soprattutto in quei parchi con tanti alberi e/o animali.

Biglietti online scontati

Il costo più alto per la visita dei parchi divertimento è sicuramente rappresentato dai biglietti d’ingresso. Ma anche per questo c’è la possibilità di un risparmio notevole: acquistando i biglietti online su portali che offrono ticket a prezzi scontati (es. “Parchiamo”)!

Pronti? Per iniziare, fate un test per scoprire quali parchi divertimento per bambini scegliere come vostre prossime mete! E buona caccia alle offerte zoomarine, alle offerte magicland e a quelle dei parchi che andrete a visitare!

TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? Non perderti i prossimi articoli di “Mamma in città”, segui la pagina Facebook!

Aggiornato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *