Dolceattesa,  Nascita

Chiama angeli: il significato della collana per le future mamme

Una lunga catenina che termina con un ciondolo che arriva fino sulla pancia: il chiama angeli è una collana particolare indossata dalle future mamme. All’interno del ciondolo c’è una pallina o un piccolo xilofono che produce un dolce suono ad ogni movimento: il delicato e rilassante campanellio viene sentito sia dalla mamma che dal feto.
Molto spesso è il particolare che ci fa capire se una donna è incinta (e così non fare brutte figure), ma il suo significato è ben più profondo di questo.

Chiama angeli: il significato

Sembra che la storia dei chiama angeli abbia origine molto antica. La provenienza è messicana, in quanto era tradizionalmente benaugurante regalare alle donne incinte una pallina che emetteva un dolce suono.
Un altro filone riporta l’origine all’Indonesia, secondo cui il tintinnio porta serenità al nascituro.
Attraverso la cultura cristiana l’oggetto acquisisce un significato maggiore: il campanellio richiamerebbe l’attenzione dell’angelo custode che “vigila” sul feto durante i 9 nove mesi di gestazione, proteggendo mamma e bambino.
Ai giorni nostri, alle varie credenze, si aggiunge o sostituisce una nuova versione: il suono infatti aiuterebbe il bambino a riconoscere i suoni dell’esterno, in particolare dei movimenti della mamma. Lo aiuterebbe quindi ad abituarsi al ritmo veglia/notte e, nei primi giorni dopo la nascita, continuare ad ascoltare un suono che ha conosciuto mentre era in pancia, lo tranquillizzerebbe.

Chiama angeli: quando si regala

Le credenze attorno a questo oggetto sono diverse. Oltre per i vari significati, è un oggetto “magico” che solitamente si regala ad un’amica in attesa anche perché è esteticamente bello e fa ricordare alla futura mamma il legame che ha con chi glielo ha donato (solitamente un’amica, una sorella, una donna di famiglia).
Si regala dopo il 3’ mese di gravidanza, quando cioè si abbassa il pericolo di aborto e la donna è lieta di annunciare che è in attesa, fino a pochi giorni prima del parto. Sembra inoltre che dal 4’ mese il bambino inizi a sviluppare il senso dell’udito e che quindi incominci ad ascoltare i suoni. Il chiama angeli è un accompagnamento per la mamma al suo percorso verso la nuova vita.

Secondo alcune credenze inoltre, regalare un chiama angeli, sarebbe un gesto beneaugurante per una donna in cerca di una gravidanza. In questo caso il regalo, al fine di non urtare la sensibilità della donna nel suo percorso per diventare mamma, è consigliabile solo se si ha uno stretto legame con lei e si è sicuri che è apprezzato.

Chiama angeli: perché regalarlo

Durante la mia gravidanza ho indossato una collana chiama angeli. Quella semplice collana era per me il simbolo di consapevolezza di cosa stava succedendo al mio corpo e alla mia vita, ancora prima che la pancia fosse di dimensioni evidenti. Nella frenesia e corsa delle giornate lavorative, i momenti in cui sentivo il dolce suono della pallina o il mio sguardo cadeva sul ciondolo, erano occasioni di distensione e di “promemoria” della magia che stava accadendo.
Quindi ancora oggi adoro regalare chiama angeli: so che è un regalo apprezzato, anche psicologicamente. La futura mamma spesso riceve regali solo per la nascita, oppure oggetti strettamente “utili” per la sua condizione di donna incinta (cuscino per dormire col pancione, creme rassodanti, etc.), mentre la collana chiama angeli è “una coccola” quotidiana per la donna, un qualcosa di bello ed elegante che valorizza la gravidanza. Per questo quasi sempre durante i servizi fotografici premaman la donna porta con sè e viene immortalata con il suo chiama angeli poggiato sul pancione.

Chiama angeli dopo la gravidanza

Il chiama angeli non è un regalo che dopo la gravidanza viene riposto in un cassetto. Come detto, la sua funzione è far associare al bambino un suono a lui familiare mentre era in pancia a quello che sente nella sua nuova dimensione.
La mamma può indossarlo sempre o in alcuni momenti particolari, come quello dell’allattamento: accorciando il cordoncino e portando il ciondolo sotto il mento, diventerà anche un gioco- passatempo per il bambino. Inoltre, nella versione accorciata, la collana diventa un elegante accessorio che si può continuare ad abbinare al proprio outfit.
Può essere utilizzato anche come oggetto calmante per il bambino, e quindi si può appendere sulla culla del piccolo o cucirlo ad un suo peluche.

Chiama angeli: quale scegliere

Esistono tantissimi modelli di chiama angeli: il ciondolo può essere una sfera liscia tradizionale, oppure decorata.
Le decorazioni riportano disegni decorativi: cuori stilizzati o motivi arabeschi, incisioni circolari o a stella.
Anche il materiale può essere diverso, ma quello in argento è il regalo più apprezzato, per la sua brillantezza e perché non si rovina indossandolo anche tutti i giorni.

Chiama angeli: un’azienda specializzata nel crearli

Oggi i chiama angeli sono prodotti da diverse aziende di gioielli. Ma vi segnalo un progetto particolare, nato e cresciuto proprio attorno alla collana chiama angeli.
Aismée è una piccola azienda francese nata da una coppia che nel 2016 decide di aprire un sito in cui vendere chiama angeli di alta qualità e a prezzi contenuti, in modo da far conoscere questo oggetto a tante future mamme.
I due creatori del progetto studiano molto e le loro creazioni piacciono così tanto che in 2 anni vengono loro richiesti oltre 2000 chiama angeli in tutto il mondo.
Realizzano chiama angeli tradizionali, moderni e personalizzati, garantendo la spedizione il giorno stesso dell’ordine.
Tra i chiama angeli in argento di Aismée, alcuni sono particolarmente originali in quanto si aprono e si può cambiare la pallina all’interno: così si possono variare i colori della sfera abbinandoli anche al proprio vestito o all’umore.
I cordoncini proposti sono pensati per essere comodi ed eleganti. Ad ogni ciondolo è abbinato uno stile, ma è possibile richiederne, se si preferisce, uno diverso tra questi: cordoncino nero ebano, cerato rosa cipria, cerato verde acqua, cerato colore lino.

Chiama angeli: la confezione

Il donare un oggetto così denso di significato è un gesto importante. La confezione in cui viene riposto il chiama angeli fa parte del regalo stesso. Aismée prepara artigianalmente ogni pacchettino: la confezione è stata studiata per conservare al meglio la collana per la spedizione e nello stesso tempo per essere elegante e gradita.

Per sfogliare il catalogo dei chiama angeli, visita il sito Aismée

Metti subito il tuo “mi piace”, NON RISCHIARE di perderti altri consigli!

Aggiornato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *