Pensieri,  Viaggi

Siamo mamme viaggiatrici

 

Siamo una nuova generazione di mamme: meno apprensive, di mentalità più aperta, ma soprattutto… viaggiatrici.

A vent’anni abbiamo salutato mamma e papà per andare a vivere in un’altra città per frequentare l’Università e inseguire sogni.

Siamo state in Paesi dei quali non conoscevamo la lingua e ci siamo adattate alla perfezione grazie ai 6 mesi o l’anno di Erasmus.

Abbiamo oltepassato la generazione delle vacanze all-inclusive nei villaggi per organizzarci veri e propri viaggi.

Abbiamo seguito i percorsi delle ragazze griffate di Donna Avventura, immedesimandoci alla guida di grandi jeep in giro per il mondo.

Abbiamo girato negozi e negozi di scarpe non per trovare la scarpina perfetta di Cenerentola, ma per cercare un paio di scarpe comode per i nostri viaggi (e chissenefrega dell’estetica). Una volta trovate le abbiamo messe fino a quando non son venuti i buchi, alla faccia della moda che cambia ogni anno.

Ci siamo fatte catturare dallo scaffale arancione che in ogni libreria rappresenta la collezione delle Lonely Planet.

Abbiamo trascorso ore tra i siti delle compagnie aeree per trovare la combinazione più economica per raggiungere le nostre mete con la parola d’ordine: voli low cost!

Abbiamo sognato di viaggiare in Asia leggendo i libri Terzani e l’Africa con Kapuściński, trascrivendo sulle nostre smemo le loro frasi più belle sulla gioia del viaggiare.

Siamo state delle moderne Madame Bovary grazie a google maps che ci ha aiutato a viaggiare nelle nostre mete future non solo con i sogni, ma scrutando da casa le strade delle città dove saremmo andate.

Ed ora che siamo mamme non vogliamo smettere di viaggiare. Vogliamo rivedere i luoghi dove siamo già state con gli occhi e le emozioni dei nostri figli. Vogliamo scoprire il resto del mondo che non abbiamo ancora visto, con affianco i nostri figli. Vogliamo trasmettere ai nostri piccoli l’entusiasmo della scoperta, la curiosità del viaggiare, la gioia del conoscere tutto ciò che è diverso dalla nostra cultura. Vogliamo che siano viaggiatori come noi, più di noi, e che riescano a vivere, non solo vedere, il mondo intero.

TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? Non perderti i prossimi articoli di “Mamma in città”, segui la pagina Facebook!

Aggiornato

5 Comments

  • Lucrezina - Peekaboo Travel Baby

    Che bel post! si davvero coglie in pieno quello che penso e condivido tutto soprattutto l’ultima parte: “Vogliamo trasmettere ai nostri piccoli l’entusiasmo della scoperta, la curiosità del viaggiare, la gioia del conoscere tutto ciò che è diverso dalla nostra cultura. Vogliamo che siano viaggiatori come noi, più di noi, e che riescano a vivere, non solo vedere, il mondo intero.” Mi auguro sul serio che mio figlio possa essere un piccolo globetrotter con la valigia e che la curiosita’ lo spinga a conoscere e a vivere sempre nuove culture e tradizioni 😛

  • Paola

    Bellissimo post…mi rivedo totalmente in queste righe…hai colto in pieno lo status di una viaggiatrice che vuole continuare ad esserlo anche da mamma!
    PS: complimenti per il sito!!

  • Mamma in citta

    Grazie!!! Eh sì, speriamo di riuscire a trasmettere loro la curiosità verso il mondo! Vediamo tra qualche anno 😉

  • Elisa

    Questo post mi ha ricordato tanto: non uscire con una ragazza che viaggia e merita lo stesso successo!

    mi ci sono ritrovata un sacco a parte per donna avventura 🙂

    che piacere conoscerti

    grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *