Tempo libero

I migliori progetti di crowdfunding per mamme

Crowdfunding per mamme

Cosa bolle in pentola per il futuro dei servizi per le mamme?
Per avere la risposta si può consultare una sfera magica, tenersi aggiornate quotidianamente sull’attualità o semplicemente… farsi un giro sulle piattaforme di crowdfunding.
Forse è solo la moda del momento (anche se dai dati il trend internazionale di uso è in aumento), ma il crowdfunding è la vera “chiave di volta” di molte start-up.
Ok, traduciamo: significa che ci sono dei siti su cui dei gruppi di persone che credono in un progetto innovativo presentano la loro idea e chiunque può finanziarli anche con piccolissime donazioni. L’unione fa la forza e, se l’idea è vincente e piace, avrà molte micro donazioni che aiuteranno i promotori a realizzarla (la parola crowdfunding è proprio formata dalle parole “crowd”, folla e “funding”, finanziamento).

Le piattaforme su cui realizzare campagne di crowdfunding sono moltissime, come innumerevoli sono i progetti presentati.
E per fortuna non mancano progetti interessanti anche per noi mamme (incasinate)!

Grazie ai finanziamenti arrivati dagli utenti sono stati realizzati dei progetti di cui tutte noi possiamo usufruire.

Sulla piattaforma Eppela sono stati presentati 4 innovativi servizi per le mamme!
BabyGuest: mamme viaggiatrici, addio a valigioni e acrobazie per portare tutto con sè (passeggino, seggiolone per la pappa, seggiolino per l’auto, etc.). Questo progetto ha permesso di creare un sito attraverso cui noleggiare tutte le attrezzature per l’infanzia e riceverle nel luogo e all’ora che si vuole. Provare per credere: www.babyguest.com

Su Eppela si è presentato anche AroundFamily, il sito (preziosissimo) che segnala itinerari, offerte sconto, convenzioni, eventi e appuntamenti per trascorrere un weekend o una vacanza con tutta la famiglia.

Un altro progetto? “Bambini di Roma”: con il finanziamento è stato possibile implementare il sito dedicato alla segnalazione di eventi, luoghi ed appuntamenti family friendly della Capitale.

Sul tema conciliazione famiglia-lavoro è nato (ed ha raggiunto il finanziamento con molto successo) L’Alveare”, uno spazio di coworking a Roma pensato per genitori. Accanto a postazioni per lavorare c’è uno spazio baby con educatrici qualificate che intrattengono i bambini dai 4 ai 36 mesi.

Su Indiegogo invece è stata lanciata la campagna per realizzare Don-Go (nome che ricorda l’espressione inglese don’t go, non andare) un dispositivo con una piccola bilancia da applicare ai seggiolini auto che si collega via bluetooth allo smartphone dei genitori. Se il genitore scendendo dall’auto si allontana di più di 8 metri dalla macchina con ancora il bambino in auto, il dispositivo fa accende l’allarme sullo smartphone tramite un’app gratuita. L’obiettivo è di prevenire le morti dei bambini lasciati in auto, fenomeno tristemente diffuso.

Sempre qui è partito il grande e curioso progetto di “Unlearning”, il documentario realizzato da una famiglia genovese che ha viaggiato per tutta Italia (e anche in alcune parti d’Europa) alla ricerca delle comunità che si dedicano all’educazione e alla crescita dei figli in modi “non convenzionali”, per esempio praticando l’homeschooling. Il film è stato prodotto ed in questo periodo è proiettato in cinema di tutta Italia!

Ok, l’idea ti piace e vuoi finanziare dei progetti? Eccone 2 di cui la raccolta fondi è attualmente aperta:
– Un interessante progetto americano è “Pump&Dump”: “Dichiariamo il 2016 l’anno della mamma” inizia così il progetto di 2 amiche che hanno già realizzato spettacoli per mamme in tutti gli Stati Uniti. Ora vogliono continuare con il tour, realizzare contenuti online e prodotti da regalare alle mamme. E chissà… magari arrivare in Europa! 🙂
– Un’app con tante ricette per cucinare con i cibi che abbiamo in casa e nello stesso tempo insegnare come non sprecare ai propri figli? Sta nascendo l’app “Eco dal frigo”, finanziabile sulla piattaforma di Telecom Italia!

Conosci altri progetti di crowdfunding?

Aggiornato

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *