Sardegna bambini cosa fare

Si pensa solitamente alla Sardegna come la meta di vacanze all’insegna del relax e della scoperta di meravigliose spiagge in cui vivere giornate tra tintarella, castelli di sabbia e tuffi.

In realtà l’isola offre molto di più, come esperienze uniche da vivere con i bambini in ogni stagione dell’anno.
Eccone 6 da assolutamente fare durante una vacanza nell’isola:

Viaggiare sul Trenino Verde in SardegnaTrenino verde Sardegna

Ciuf ciuf… sì, fa proprio così il vecchio treno che corre lungo le antiche e strette rotaie e che porta dalla spiaggia di Bosa all’entroterra di Macomer.
Due antichi vagoni sono stati perfettamente recuperati e ristrutturati e oggi sono a disposizione dei turisti che vogliono rivivere questo lento ma affascinante viaggio.
E’ un’esperienza unica, che affascina i bambini che possono viaggiare su questo treno speciale e anche gli adulti in quanto una guida è a disposizione del gruppo; il percorso prevede anche delle tappe in vecchie stazioni per gustare cibi tipici e fare delle visite dei luoghi.

Andare a cavallo in Sardegna

Cavallo bambini Sardegna

Non è cosa rara viaggiare in Sardegna e vedere cavalli sui bordi delle strade. Sono presenti molti ranch che offrono la possibilità di approcciarsi al mondo dei cavalli, anche con passeggiate semplici e sulla spiaggia.
Alcuni sono specializzati anche per i bambini, come per esempio Carolina Ranch, maneggio di Sant’Antioco (il cui nome è proprio di una bambina di 5 anni, figlia dei proprietari e provetta cavallerizza) che organizza appuntamenti per i bambini. Davide per esempio ha frequentato con attenzione ed entusiasmo un breve corso per cavalcare il pony!

Visitare un nuraghe in Sardegna

Nuraghe bambini Sardegna

E’ uno dei simboli della Sardegna: il nuraghe è un edificio in pietra a forma conica risalente addirittura al II millennio a.C.

La Sardegna è piena di questi edifici sparsi nelle campagne ma solo pochi si sono conservati bene e sono visitabili.
Uno di questi è quello di Losa, vicino ad Abbasanta. E’ affascinante entrarci e addirittura salire al “secondo piano”!
La visita può essere libera o con una guida.

Entrare in una miniera in Sardegna

Miniera bambini Sardegna

Il sud Sardegna è zona di miniere, in particolare la zona di Iglesias e di, come dice il nome stesso della città, Carbonia.
Le più importanti da visitare (ora in disuso) sono quelle di Porto Flavia, di Carbonia Serbariu e di Santa Barbara.
In queste ultime in particolare si indossa il caschetto, si sale un trenino dei minatori e si percorrono le gallerie come un tempo. Inutile dire che per i bambini (dai 3 anni circa) è un’esperienza divertentissima!

Scoprire l’isola di San Pietro in Sardegna

Isola San Pietro bambini Sardegna

Oltre alle famose isolette “La Maddalena”, e “Asinara”, nel sud Sardegna si può salire su un piccolo traghetto e arrivare sull’Isola di San Pietro, nel paese di Carloforte.
Quest’isoletta è un piccolo gioiello con le sue viette strette e colorate: è stato nominato uno dei Borghi più belli d’Italia. Tra le sue strade i bambini corrono e si trovano a giocare come si usava un tempo in tutta Italia.
La sua caratteristica principale è il mix di tradizioni, di urbanistica e di lingua sardo-liguri: l’isola infatti fu colonia ligure.
Da non perdere una merenda con la sua farinata, un tramonto al faro e una cena assaggiando il suo tonno!

Rimanere affascinati dai fenicotteri rosa in Sardegna

Fenicotteri Sardegna

No, non sto parlando dei tanti salvagenti a forma di fenicottero che quest’estate hanno invaso le spiagge. Tra Cagliari e Quartu Sant’Elena i fenicotteri rosa sono in carne e piume!
E’ possibile vederli in libertà nel Parco di Molentargius, mentre si posano sulle Saline o prendono il volo, soprattutto all’ora del tramonto.

UN CONSIGLIO IN PIU’:

State pianificando il vostro viaggio in Sardegna con i bambini?
Consultate le migliori offerte per i traghetti per la Sardegna: su TraghettiLines potete comparare i prezzi di tutte le compagnie marittime! 😉

TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? Non perderti i prossimi articoli di “Mamma in città”, segui la pagina Facebook!