Foto Credis @SafariPark
Photo Credits @SafariPark

Leoni, elefanti, tigri, rinoceronti ma anche scimmiette e giraffe.
Non siamo in Africa, ma in Piemonte, al confine con la Lombardia, a Pombia in provincia di Novara per la precisione.
Non siamo neanche in uno zoo, il Safari Park è lontano da questa concezione.

Siamo un parco in cui sono stati ricostruiti gli habitat di questi animali che si possono osservare passando vicinissimi a loro a piedi (in alcune zone) o in macchina, vivendo un vero e proprio safari come quelli organizzati nei parchi africani. Anche l’entrata al Parco è costruita come l’ingresso di un vero Parco Africano, non solo per le maschere e le capanne presenti, ma proprio per la struttura della biglietteria che introduce all’entrata.

Inutile dire che per i bambini, anche piccoli, è un’esperienza sensazionale che li appassiona e fa vivere la conoscenza degli animali visti disegnati sui libri o in formato peluche.
Io ho visitato per la prima volta il parco da bambina e ne ho sempre avuto un meraviglioso ricordo; così, quando mio figlio aveva 2 anni, ci sono tornata con il mio piccolo appassionato di animali!

Come funziona il Safari

Safari-Park

Il giro più interessante è sicuramente quello in macchina per percorrere 5 Km circa in mezzo agli animali. Nel loro ambiente conosciuto e sicuro, appunto la macchina di mamma e papà, i bambini vedono aprirsi il grande cancello che dà il via al percorso nelle varie zone dove gli animali stanno vivendo.
Si guida ovviamente a bassissima velocità per non disturbare gli animali (che comunque sono abituati ai visitatori e non ne sono turbati) e si attraversano le zone degli animali erbivori e la zona degli animali carnivori (opportunamente divisi).
Accanto alle tigri e ai leoni sono presenti dei fuoristrada con i rangers per una sicurezza ancora maggiore e aiuto in caso di ogni necessità.
Le regole sono tenere i finestrini chiusi e non dar da mangiare agli animali… e godersi lo spettacolo della natura!
Il giro può essere fatto con il proprio mezzo e/o con un trenino con finestrini chiusi.
Inutile dire che noi abbiamo fatto il giro più volte e con entrambe le opzioni!

Gli animali da incontrare a piedi al Safari Park

Safari Park Lemuri

La zona dei lemuri è visitabile a piedi. Impossibile non emozionarsi nell’avvicinarsi a questi dolcissimi animaletti tipici del Madagascar!
Una grande zona da attraversare è quella dell’acquario, vicina al rettilario.
Sono presenti molte varietà di pesci, di insetti e rettili tra cui un grande coccodrillo.
Il rettilario è un ambiente poco luminoso per non disturbare questi animali sensibili alla luce.

Safari Park acquario

Fattoria Far West al Safari Park

Il Safari Park ha al suo interno anche una zona chiamata “Fattoria Far West”.
In questo “villaggio”, tra bisonti e capre, c’è anche un bar-ristorante in stile west, ma soprattutto si possono ammirare molti uccelli rapaci. Imperdibile è la dimostrazione didattica, guidata da esperti, durante la quale gli animali vengono fatti volare e cacciano finte prede.
E’ presente anche un piccolo maneggio con possibilità di fare un giro sui pony (a pagamento)
In questa zona c’è anche una zona pic-nic e divertenti scenari per foto a tema far west.

Far West Safari park

Attrazioni al Safari Park

Una grande area è dedicata a giochi per bambini: trenini, giochi d’acqua, ruota panoramica, bruco, ma anche mini elicotteri e macchinine.
C’è anche la piccola zona “Jurassic Park”: grandi ricostruzioni di dinosauri che divertono soprattutto i bambini più piccoli.
Sono previsti anche degli spettacoli: noi siamo stati spettatori di quello con i cavalli spagnoli.

Informazioni utili sul Safari Park

Distanza da Milano: 1 ora circa.
Il giro in macchina tra gli animali dura circa 40 minuti.
E’ possibile salire sul trenino pagando un ticket non compreso nel biglietto d’ingresso.
Vicino all’ingresso è presente una zona camper attrezzata.

Costo d’ingresso Safari Park

Adulti: € 18
Bambini dai 3 agli 11 anni: € 13
Bambini inferiori a 3 anni: ingresso gratuito

TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? Non perderti i prossimi articoli di “Mamma in città”, segui la pagina Facebook!