Interviste

Le mascherine per i bambini nate da un progetto pedagogico

L’abbandono improvviso della scuola, degli amici, dei nonni, delle corse al parco giochi e di tutta la routine a cui erano abituati. E poi, sempre per loro improvvisamente, dopo il periodo in casa, il ritorno al mondo esterno che però nel frattempo ha cambiato tutte le sue regole. E così le uscite, gli incontri con gli amici e i nonni, tutto è strano e, a volte, fonte di paura e stress per i nostri bambini.

Non sapremo, se non tra qualche anno, come il Coronavirus abbia cambiato la generazione dei nostri figli piccoli. Ora però quello che a noi genitori spetta è accompagnarli in questo nuovo mondo che noi stessi stiamo imparando a conoscere.

Un elemento decisamente visibile e impattante su questa fase è l’indossare le mascherine. Vedere mamma e papà con mezzo viso coperto, sentire le loro voci ma non vedere appieno le loro espressioni, è sicuramente uno shock.

Francesca e la sua intuizione per aiutare i bambini nella “Fase 2”

Durante il lockdown una mamma della provincia di Brescia “trapiantata” a Milano, Francesca Tenchini, ha ragionato su quella che sarebbe stata la fase del “ritorno” e, con il suo occhio attento e professionale sia di genitore che di educatrice, si è subito attivata per fare qualcosa di concreto per aiutare le famiglie in questo passaggio.

‘’Ho pensato, osservando l’esperienza diretta come mamma e avendo alle spalle più di 15 anni di lavoro nel mondo dell’educazione, che soprattutto i più piccoli non capiranno bene come e perché ci si debba tutti schermare, e magari opporranno qualche resistenza dovendo indossare la mascherina: avete mai provato a convincere un bimbo di 3 anni che non vuole mettersi il cappello quando c’è il sole di mezzogiorno a indossarlo? O la sciarpa quando c’è freddo e vento?
Ecco: immaginare tutto come un gioco, come spesso faccio, può essere un modo. Le mascherine con i loro disegni aiutano inoltre a creare e raccontare storie. E le storie, le metafore, aiutano adulti e bambini a trattare, comprendere e comunicare’’, mi ha raccontato Francesca.

Francesca quindi ha iniziato a progettare (è anche un architetto) e ha contattato l’imprenditore Gianpaolo Torri, titolare del calzificio San Giacomo, per realizzare la sua idea.

Le mascherine per bambini “Scherziamo seriamente”

Sono nate così le mascherine della linea “Scherziamo seriamente”: sono decorate con disegni e grafiche che, attraverso il gioco e l’ironia, aiutano bambini e adulti non solo a posizionare correttamente sul volto il dispositivo, ma soprattutto ne rendono l’utilizzo meno impattante, più colorato, offrendo un piccolo aiuto anche ai genitori.
Il progetto ha finalità educative, sociali e anche di beneficenza. I guadagni infatti delle vendite vengono in parte utilizzati per regalare mascherine ai bambini dei reparti pediatrici o in situazioni di fragilità.
Le società scientifiche SIEMS (Società Scientifica Italiana dell’Emergenza Sanitaria), FIP (Federazione Italiana Pediatri) e SIMEUP (Società Italiana Medicina Emergenza ed Urgenza Pediatrica) hanno realizzato uno spot dedicato ai più piccoli nella fase 2 e hanno utilizzato le mascherine create da Francesca. Il claim dello spot è proprio: ”la mascherina è un gioco che protegge tutti!’’.

Informazioni sulle mascherine “Scherziamo seriamente”

Le mascherine sono realizzate in tessuto sintetico di poliammide, possono essere riutilizzate perché lavabili fino a trenta volte. Sono prodotte in due misure, una per i più piccoli 2/6 anni (12cm x 9cm) e una per i più grandi 6/12 anni (16cm x 11cm).

La linea si compone di 8 modelli con 8 diversi disegni cuciti in filato (non stampati!) ispirati al gioco del ‘truccabimbi’ e dei ‘travestimenti’ e accompagnati da un packaging con spiegazioni semplificate sull’utilizzo corretto (ad esempio il posizionamento del nasino in linea con il nasino del disegno) e sul lavaggio.

‘I Musetti’: coniglietti, gattini, unicorni… e persino piccole tigri e squali! Il bambino potrà decidere in quale animale immedesimarsi e iniziare il gioco del ‘io faccio finta che… sono agile come un coniglietto e salto a distanza di sicurezza!’
‘I Fantastici’ – sul tema dei supereroi e delle icone. Personaggi fantastici e magici che ci aiuteranno a costruire un tema narrativo avventuroso e grazie alle loro virtù e poteri a sconfiggere il virus! Forza, magia, agilità…

Il progetto è raccontato sul sito: scherziamoseriamente.francescatenchini.it

Le mascherine sono acquistabili sul sito www.welovesocks.it e in molti punti vendita (soprattutto farmacie) di tutta Italia

Metti subito il tuo “mi piace”, NON RISCHIARE di perderti altri consigli!

Aggiornato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *