fbpx

Skip to content

gravidanza

Allattare stanca

allattare

Quanto è importante allattare al seno? Tantissimo!
L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di alimentare in modo esclusivo al seno fino al sesto mese di vita del bambino.
I benefici per il bambino sono innumerevoli tra cui minore rischio di contrarre malattie respiratorie e allergie, miglioramento dello sviluppo psicomotorio.
Allattare al seno produce benefici anche sulla mamma come la riduzione di perdita di sangue – e quindi di ferro- dopo il parto, una rapida ripresa del peso forma post-partum, e la riduzione del rischio del cancro al seno.

Fin qui tutto bene. E molti articoli sull’allattamento finiscono qui, evidenziando solo la magia dell’allattamento, della funzione perfetta del corpo di una madre che in modo naturale può non solo alimentare il proprio bambino di sostanze utili per la sua crescita ma anche creare un forte legame emotivo.

Ma è veramente così?
Quello che spesso, troppo spesso, non si dice, è che allattare al seno significa anche fatica.

Libri da leggere (o da regalare) in gravidanza per mamme

Libri-gravidanza

Leggere libri sulla gravidanza mentre si aspetta aiuta ad entrare con consapevolezza in un nuovo “mondo” di cui spesso si conoscono solo informazioni non approfondite. Se si cerca con Google (o se si sbircia nel reparto puericultura di una libreria o biblioteca) libri sulla gravidanza e sui neonati si scopre che in realtà ne esistono a centinaia, di cui gran parte recensiti molto bene.

Quindi quale scegliere, considerando anche che il tempo che avremo a disposizione per la lettura -tra sonnolenza dei primi mesi e stanchezza dell’ultimo trimestre- non sarà molto?

Io suggerisco di:

1) scegliere i libri che più si avvicinano a noi. Se un’enciclopedia sulla gravidanza ci spaventa solo a guardarla, è meglio optare per un libro che racconta i 9 mesi in modo ironico e divertente (sì, ci sono anche questi libri! 🙂 ); al contrario, se siamo alla ricerca di informazioni mediche, è inutile collezionare romanzi scritti da mamme in attesa che offrono altri tipi di consigli.

2) Fatevi consigliare da neomamme con cui condividete lo stesso approccio verso la gravidanza, per es. sul prediligere le filosofie di una gravidanza non molto “medicalizzata” e il più possibile naturale.

I libri che ho letto sono stati proprio scelti così, alcuni prestati/regalati da amiche. Sono tutti molto venduti e quindi facilmente trovabili anche nelle biblioteche cittadine.

Ecco la mia personale lista dei “libri più utili”, nell’ordine in cui li ho letti:

Sai cosa significa DOULA?

Fino a circa 2 anni fa la mia risposta a questa domanda era un convinto e spaesato “no”. Ne ho sentito parlare per la prima volta da una mia ex collega che aveva iniziato il percorso per diventare Doula. Ad una cena tra ex colleghe (tutte donne!), al suo annuncio di aver iniziato un corso per prepararsi ad essere “Doula”, si è stampato sulle facce di tutte noi un grandissimo punto interrogativo.

La Doula “in progress” allora ha iniziato a spiegarci il ruolo di questa figura il cui nome, in greco, significa “serva della madre”. Si tratta di una persona, adeguatamente formata, che accompagna la mamma durante la gravidanza e/o durante il parto e/o nel periodo post partum.

Doula-regalo

 Cosa fa una Doula?

In gravidanza: fa ascolto attivo della madre e/o della coppia, può dare informazioni sui servizi alla maternità offerti sul territorio; accompagna se richiesto la coppia alle visite e all’esecuzione degli esami; dà informazioni per scegliere il luogo dove partorire e i diversi professionisti coinvolti nel percorso nascita.

Nel travaglio e parto: accompagna e sostiene in modo continuativo la donna sia da un punto di vista emotivo che pratico e aiuta la coppia a concentrarsi e dedicarsi alla nascita del loro bambino.

Nel post-parto: accompagna i genitori nella scoperta del loro nuovo ruolo, sia affiancandoli nelle attività quotidiane di accudimento (es. il bagnetto) sia sostenendo la coppia ed affrontando insieme eventuali problematiche dovessero insorgere. Sostiene la mamma nel suo nuovo compito qualora si sentisse inadeguata attraverso l’ascolto attivo.

Keep-calm-doula

Quando sono rimasta incinta mi son subito venuti in mente i racconti della mia ex collega che, nel frattempo, è diventata Doula certificata ADI (Associazione di categoria Doule Italia) e sabato ho rincontrato durante una presentazione dell’Associazione presso il negozio di prodotti per l’infanzia Salina di Milano.

Ho fatto una chiacchierata con lei e questa volta non solo lei mi ha dato tante informazioni interessanti, ma anch’io le ho posto un po’ di domande da “quasi mamma”!

Grazie Ilaria!

Per informazioni:
www.douleitalia.it
Ilaria Pizzini – Doula post parto
Milano centro / Milano Sud
ilariapizzini@douleitalia.it
tel. 349 8365968

Babymoon? Sì, ma low cost!

Isole da sogno in paesi tropicali, agriturismi immersi in campagne francesi, chalet di montagne incontaminate da caos e inquinamento: sono queste le mete più gettonate per vivere un babymoon, una sorta di luna di miele della coppia prima di diventare un terzetto.
La moda è nata in America, a imitazione delle star hollywoodiane che, escluse da impegni importanti a causa della pancia, hanno iniziato a dedicare gli ultimi mesi della gravidanza al relax lontano dalle metropoli e da sguardi troppo indiscreti. E in Italia? Alcuni Grand Hotel in Campania (Ischia), in Umbria, in Trentino si sono attrezzati per offrire alle quasi mamme italiane weekend rilassanti all-inclusive con cene, massaggi e corsi ad hoc per vivere con il compagno le ultime “fughe d’amore”.

Al posto di weekend costosi per abbandonarsi al “dolce far nulla” noi abbiamo invece optato per tante brevi gite, non faticose, in cui vivere giornate di visite e “scampagnate” prima dell’arrivo del nostro bebé.