Sardegna-in-miniatura1

Sardegna non significa solo sole e mare.
Vi ho raccontato per esempio cosa poter fare in Sardegna di alternativo con i bambini nel post “6 esperienze da fare in Sardegna con i bambini”, per scoprire l’isola e vivere esperienze originali.

Ma in Sardegna c’è anche un parco divertimenti che si sta rinnovando ogni anno e sta diventando un importante polo non solo di divertimento ma anche didattico della regione.

Una visita con i bambini vale sicuramente!

Cosa vedere a Sardegna in Miniatura

Il nome può trarre in inganno: infatti “Sardegna in miniatura” non è solo una riproduzione in scala dell’isola, l’attrazione originaria del sito, ma è anche un planetario (in collaborazione con l’Osservatorio Astronomico di Cagliari), un parco dei dinosauri, la ricostruzione di un villaggio nuragico, e, novità 2018, un ecosistema tropicale ricostruito con flora e fauna della foresta.

Sardegna in miniatura

E’ la ricostruzione dell’isola, con i suoi siti archeologici, i suoi monumenti più importanti e località più visitate. Ci si può passeggiare all’interno, ammirando anche ricostruzioni in movimento (gli aerei all’aeroporto di Olbia, le navi al porto di Cagliari) e i dettagli delle riproduzioni. Si può anche circumnavigare l’isola utilizzando delle barchette che “navigano” nel mare attorno.

Sardegna-in-miniatura_orgosolo

Sardegna-in-miniatura_porto

Il Planetario

Questa zona del Parco è accessibile solo con una visita guidata prenotabile all’ingresso nel momento di acquisto del biglietto. Ci si incontra all’orario prestabilito al bar del Parco e insieme alla guida ci si muove in gruppo verso il Planetario.
Qui inizia un tour guidato nel museo dell’astronomia per conoscere i pianeti, le scoperte astronomiche e la storia degli strumenti utilizzati dall’uomo per osservare lo spazio.
Sono presenti anche 3 bilance su cui ognuno può salire e scoprire il proprio peso sulla terra, sulla luna e su Marte!
Al termine della visita si entra nel Planetario dove ci si accomoda su sedie per osservare a testa in su la volta celeste e simulazioni per comprendere la dimensione e la composizione dei pianeti.

Parco dei dinosauri

La zona dedicata ai dinosauri è sicuramente quella più attrattiva per i bambini soprattutto della scuola dell’infanzia. Sono presenti tantissimi esemplari di dinosauri a grandezza naturale che si muovono (testa, coda, occhi, braccia) ed emettono versi.
Di recente realizzazione, la zona dedicata all’era glaciale: qui si possono ammirare Mammut, tigri delle nevi e altre specie anch’esse in movimento.
Le bravissime guide spiegano a chi vorrà approfondire aneddoti e curiosità su questi animali.

Sardegna-in-miniatura6

Sardegna-in-miniatura7_mammutjpg

Parco Natura

Di recente apertura, anche questa zona è visitabile solo con una guida.
Si entra nella biosfera dove tra la flora del territorio tropicale, si possono ammirare (e accarezzare) pesci, iguane, camaleonti e vedere rane dai colori cangianti, tartarughe, fino ad entrare nella zona acquario dove si attraversa un breve tunnel circondati da pesci tropicali.

Villaggio nuragico

E’ stato ricostruito un piccolo villaggio nuragico per approfondire la storia del territorio. Si può entrare nelle antiche capanne ed ammirare riproduzioni fedeli della popolazione nuragica impegnata nelle attività quotidiane.

Sardegna-in-miniatura_nuragico

Dove si trova e come arrivare a Sardegna in miniatura

Il parco di Sardegna in miniatura si trova a Tuili, vicinissimo all’area archeologica di Barumini. E’ in un contesto particolare: infatti attorno è presente solo natura (prati e colline) che si può ammirare abbinando alla gita anche una visita al vicino Parco della Giara, dove si vedono i cavallini selvatici tipici della zona.

Informazioni generali su Sardegna in Miniatura
Il Parco è aperto da marzo a novembre.
L’intero percorso del Parco è accessibile con passeggini.
E’ presente una grande area pic-nic con anche giochi (scivoli, altalene) per bambini.

Sardegna-in-miniatura_area-picnicSardegna-in-miniatura4
All’interno del Parco c’è un bar con ristorante e negozio souvenir.
Accanto sono presenti bagni con fasciatoio.
All’uscita dal Parco, passando in biglietteria e mostrando i propri documenti d’identità, è possibile avere un buono per persona per rientrare nel parco gratuitamente una volta successiva, all’interno della stessa stagione annuale in corso.

TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? Non perderti i prossimi articoli di “Mamma in città”, segui la pagina Facebook!