Skip to content

Cronaca di una mattinata con #Mammedicorsa!

Vi avevo parlato dell’iniziativa “Mamme di corsa” Yakult del progetto CorriMI del Comune di Milano (qui)….
Volete sapere com’è andata? Ecco la cronaca di questa mattinata “di corsa”!

Mammedicorsa

Alle 10 del sabato mattino l’Arena Civica di Parco Sempione a Milano sembra un grande alveare con attorno sciami di api che la circondano. Api felici, che si scambiano saluti e corrono, corrono, corrono. E’ il popolo milanese della corsa che si dà appuntamento nel grande parco cittadino per allenarsi e godersi queste belle giornate al termine di un’estate che ci ha meteologicamente delusi.

Ed ecco che attorno ad una panchina c’è uno di questi sciami. E’ piccolo, ma attira la curiosità dei passanti. Ci sono tante api sorridenti, tutte “regine”, con accanto i loro piccoli. E’ il gruppo delle “Mamme di corsa” pronte anche loro per l’allenamento.

Mi unisco e conosco le mamme che, come me, questa mattina si sono svegliate, hanno preparato i loro figli, li hanno sistemati sui passeggini e sono arrivate qui per 2 ore di allenamento e soprattutto di condivisione con altre mamme.

La nostra “personal trainer” ci accoglie con un mega sorriso, risponde subito alle nostre domande e ascolta le nostre affermazioni preoccupate che preannunciano in coro “io non corro da secoli!”. Con noi c’è anche una nutrizionista che ci accompagna in questa esperienza.

3,2,1 partiamo. Attraversiamo tranquille il parco spingendo i passeggini: camminiamo a passo sostenuto, intanto chiacchieriamo e ci conosciamo. Ci fermiamo e iniziamo con piegamenti e stretching.
I bimbi sono tutti bravissimi: ci guardano incuriositi e i più grandicelli imitano gli esercizi.

Anche Davide mi guarda mentre faccio gli esercizi con le altre, fino a quando la fame ha il sopravvento e dedico un pitstop per l’allattamento.
Ancora qualche esercizio e rientramo nell’Arena dove la nutrizionista risponde alle nostre domande e ci spiega qual è una corretta alimentazione post-parto (e ci racconta la magia dell’allattamento che ci fa dimagrire senza far diete costrittive!).

La sessione è terminata. Ci meritiamo tutte un energetico Yakult e ci salutiamo scambiandoci gli indirizzi email. I nostri bimbi sono allegri e calmi come solo il mix aria aperta e natura riesce a renderli e ci avviamo per iniziare una nuova giornata da…”Mamme di corsa”!

Grazie a mammeacrobate.com per avermi invitata a questo incontro!

Il corso si svolge il sabato mattina, dal 13 settembre al 26 ottobre, dalle 9.30 alle 11.30 al Parco Sempione di Milano (a disposizione delle partecipanti gli spogliatoi con docce dell’Arena Civica). Il costo è di €25 utili per la copertura assicurativa durante gli allenamenti.

Per ulteriori informazioni:
http://yakult.it/run-healthwww.corrimi.com

#Mammedicorsa: andiamo a correre al Parco Sempione?

Mammedicorsa-passeggino

Settembre e i buoni propositi sono arrivati. Iniziamo subito….di corsa!

Ebbene sì, anche una non sportiva come me ha deciso di darsi da fare e mettersi in forma. La leva di questa decisione è un corso davvero attraente: all’aria aperta, comodo da raggiungere e soprattutto….da frequentare con i bimbi!
E’ arrivato anche a Milano, come già da anni si usa nei parchi soprattutto inglesi e americani, un corso di fitness per neomamme.

Dal 13 settembre ha preso il via, nell’ambito del corso di corsa Run&Health Yakult, una classe di fitness con il passeggino dedicata alle neo mamme che, come emerge dall’ultima ricerca dell’Osservatorio Yakult, sono felici della propria vita ma troppo spesso rinunciano al tempo per se stesse per prendersi cura del loro bambino e della famiglia.

Il corso Mammedicorsa Yakult fa parte del progetto CorriMI del Comune di Milano.
Sabato quindi mi dedicherò con altre mamme con i loro piccoli in passeggino (età fino a 3 anni) a ginnastica, stretching e corsa!

Venite con me?

Il corso si svolge il sabato mattina, dal 13 settembre al 26 ottobre, dalle 9.30 alle 11.30 al Parco Sempione di Milano (a disposizione delle partecipanti gli spogliatoi con docce dell’Arena Civica). Il costo è di €25 utili per la copertura assicurativa durante gli allenamenti.

Mammedicorsa

Per ulteriori informazioni:

http://yakult.it/run-healthwww.corrimi.com

Siamo mamme viaggiatrici

 

Siamo una nuova generazione di mamme: meno apprensive, di mentalità più aperta, ma soprattutto… viaggiatrici.

A vent’anni abbiamo salutato mamma e papà per andare a vivere in un’altra città per frequentare l’Università e inseguire sogni.

Siamo state in Paesi dei quali non conoscevamo la lingua e ci siamo adattate alla perfezione grazie ai 6 mesi o l’anno di Erasmus.

Abbiamo oltepassato la generazione delle vacanze all-inclusive nei villaggi per organizzarci veri e propri viaggi.

Abbiamo seguito i percorsi delle ragazze griffate di Donna Avventura, immedesimandoci alla guida di grandi jeep in giro per il mondo.

Abbiamo girato negozi e negozi di scarpe non per trovare la scarpina perfetta di Cenerentola, ma per cercare un paio di scarpe comode per i nostri viaggi (e chissenefrega dell’estetica). Una volta trovate le abbiamo messe fino a quando non son venuti i buchi, alla faccia della moda che cambia ogni anno.

Ci siamo fatte catturare dallo scaffale arancione che in ogni libreria rappresenta la collezione delle Lonely Planet.

Primi giochi: la playlist di Davide

Si ride tanto, tantissimo. Sono arrivati i 3 mesi e Davide, come ogni bambino della sua età, sta iniziando a “toccare il mondo”. Ha iniziato con l’udito, affascinato dai suoni vicini lui: dal battito delle mani alle canzoni cantate (anche se in modo stonato) da mamma e papà, segue ogni suono con curiosità e stupore.
Ed ora si inizia anche ad afferrare, a girare, a scuotere.
Inizia a giochicchiare, anche se, essendo così piccolo, non tutti i giochi sono adatti e soprattutto (wow!) non servono giochi complessi e costosi per farlo divertire, ma sono sufficienti semplici elementi: suoni, colori, superfici morbide.

Qualche idea per il vostro bambino? Ecco la playlist dei giochi preferiti da Davide:
Giostrina-fattoriaLa mucca canterina: è stato il primo gioco amato da Davide! Inseparabile (ce lo portiamo ovunque!), riesce a farlo divertire e tranquillizzarlo in ogni occasione.
Oltre alla mucca, il gioco è composto anche da un cavallino, un uccellino e un maialino in plastica. Tirando il cavallino si sentono i versi di questi animali e un’allegra melodia.

 

Libro.Unicef

 

Libri: per ora ne abbiamo 2, in stoffa e in materiale impermeabile. Il primo è dell’Unicef, ha grandi immagini che rappresentano bambini, il mondo, animali ed è un libro tattile, fatto da diversi materiali che incuriosiscono il tatto del bambino. Il secondo, della Città del sole, ha un’immagine molto grande e colorata per ogni pagina e si può immergere col bambino nell’acqua durante il bagnetto.

 

Pecorella

Pecora: morbidissima, tutta da toccare, è composta da tante stoffe diverse e coloratissime per stimolare i sensi del bambino. Inoltre i suoi piedi producono un “fruscio” che piace moltissimo ai bebé!

 

palla

 

 

 

Prima palla: colorata, morbidosa e con un campanello interno che quando si muove suona! Essendo morbida il bambino anche piccolo riesce ad afferrarla e rimane affascinato nel vederla rotolare seguendo la scia dei colori.

 

Ottimi anche i giocattoli fai-da-te! Un esempio? Le maracas! E’ sufficiente prendere un contenitore di plastica (anche una bottiglietta), infilare dentro sassolini o materiale che scuotendolo faccia rumore e chiudere bene… viaaaa, si balla!

Oppure fare cucù con un asciugamano od un lenzuolino… sorrisoni assicurati, provare per credere! 😉

Attendo i vostri consigli per i primi giochi!

   

Agosto in città

agosto-citta

E’ un’estate strana questa: poco caldo, tanta pioggia, giorni di vacanza coperti da nuvole. Eppure qualcosa sorge ogni estate, anche in questa.
E’ la tranquillità che ad ogni agosto si impossessa delle città, anche le più caotiche.

Si aprono le finestre e si viene sfiorati dal suono chiaro delle campane solitamente nascosto dal rumore del traffico, dal miagolare del gatto sotto casa che verso sera cerca riparo dal caldo all’ombra di una pianta, addirittura dal cinguettare all’alba degli uccellini nei nidi degli alberi cittadini che si popolano “di natura” appena gli abitanti della città fanno loro posto.
E si viene colpiti dal silenzio che si spalanca nelle giornate della città deserta.

La lieve brezza entra in casa, mi avvolge, chiudo gli occhi e inizio a sfrecciare tra le strade deserte su un motorino tra le vie di Roma, di Parigi, della campagna toscana, così:


Dal film Caro Diario


Dal film Il favoloso mondo di Amelie


Dal film Il Ciclone

3 giorni a zonzo a Lucca e dintorni

Appena prendi il calendario del nuovo anno cosa fai? Sei tra quelli che lo sfogliano alla ricerca dei ponti da sfruttare per delle gitarelle fuori porta? Allora non ti è certo sfuggito che quest’anno il 15 agosto cade nientepopodimenoche di venerdì, permettendo così anche a chi non va in vacanza (o ci è già tornato o partirà più tardi) di godersi una mini vacanza di 3 giorni.

Non hai idee su dove andare?

Io sono tornata proprio da un weekend lungo di 3 giorni in terra toscana. Sono stata con la famiglia a Lucca e dintorni, scoprendo così luoghi da favola adatti anche a bimbi piccoli (il mio ha 3 mesi).

Lucca    Lucca

La città di Lucca è circondata da alte mura su cui si può salire tranquillamente con la carrozzina, passeggiare e godersi il paesaggio sulla città. Chi ha figli più grandicelli può affittare una bicicletta e unirsi allo sciame di bici che sfreccia senza sosta.

Dopo il giretto non c’è niente di meglio che inoltrarsi nel tardo pomeriggio nelle sue viette del centro (tutte pedonali, ideali per i bimbi che possono giocare liberamente) piene di negozietti e locali con tavoli all’aperto dove mangiare dai classici panini con la porchetta, alla tipica zuppa di farro o zuppa con cipolle.

Lucca

Lucca

 

Salumi_Lucca

Zuppa-cipolle_Lucca

 

Attorno a Lucca ci sono tantissimi b&b adatti a famiglie: sono grandi case, spesso con giardino, a due passi dal centro città e gestiti con la cordialità e ospitalità tipiche della gente toscana.

E dopo la cultura… relax al mare! Siamo stati un giorno a Viareggio dove con soli 12 euro abbiamo affittato per tutto il giorno ombrellone e 2 lettini. La lunga passeggiata di negozi e bar dietro la spiaggia è stata l’ideale per trascorrere le ore più calde, non indicate per stare in spiaggia con un bimbo piccolo.