Skip to content

Muoversi in citta’: w la fascia!

Mercoledì mattina, ore 9: Davide ed io ci prepariamo per un appuntamento dall’altra parte della città. Dobbiamo prendere la metro nell’ora di punta, fare un cambio, attraversare una strada tramite un sottopassaggio .
Le mamme che vivono in città sanno bene che questo vuol dire affrontare un’impresa titanica se il bebé è in carrozzina/passeggino. La metropolitana significa per noi scale, ascensori non funzionanti, difficoltà a salire e trovare spazio sulla metro…
Ma noi siamo riusciti senza difficoltà grazie ad uno “strumento magico”: la fascia!

Fascia

La mia fascia lunga di 100% cotone è arrivata alcuni giorni fa grazie alle mie colleghe che me l’hanno regalata. Così ho letto le istruzioni per fare una “legatura base” e senza timore abbiamo affrontato la città.

Io mi sono sentita libera, con entrambe le mani “utilizzabili”: per prendere delle borse, per tenersi sui mezzi, per fare acquisti.

Davide, appena messo in fascia si addormenta quieto! Per i bimbi è come tornare in pancia, a strettissimo contatto con la mamma!

Ah, dove siamo andati? All’Associazione “Portare i piccoli” dove, grazie all’istruttrice Sarah Cinquini, ho imparato nuove legature sicure per far star bene il mio piccolo nella fascia.
Ora non ci ferma più nessuno! W la fascia!

Per imparare una legatura guarda il video con Sarah Cinquini ospite del programma Rai “Detto Fatto”:

Per informazioni:
http://portareipiccoli.org

Figli di coppie non sposate: quali diritti?

Primo incontro del corso preparto. Ci vengono dati tanti bigliettini: su ognuno c’è scritta la parola chiave di un argomento (travaglio, prodotti per l’infanzia, coppia, corpo, epidurale, cordone ombelicale, etc.). Dobbiamo fare un lavoro di gruppo: scegliere tra i tanti biglietti quelli con le tematiche che vorremmo affrontare durante il corso.

Al termine del nostro lavoro (in cui emerge che vorremmo parlare…pressoché di quasi tutto!), una futura mamma condivide con tutte noi un argomento su cui vorrebbe avere maggiori informazioni, ma che non è presente tra i tanti post-it: i diritti dei bambini figli di coppie non sposate. L’argomento non è previsto nel corso preparto ma, visto che scopriamo che tutte noi non siamo sposate, subito l’ostetrica ci dice che organizzerà una mini-sessione informativa.

Tornata a casa inizio a googlare sull’argomento e scopro che è di interesse sempre a più coppie considerato soprattutto che è da poco uscita una nuova legislazione su questo tema. Su internet trovo di tutto, così ho fatto una chiacchierata chiarificatrice con l’Avv. Silvia Cagna, particolarmente sensibile alla materia del diritto di famiglia, per conoscere le eventuali differenze legali tra figli nati da una coppia sposata e quelli nati da genitori non uniti in matrimonio.

Ecco le domande che le ho fatto e le sue risposte.

Famiglia@Flickr –  My Name Is Mudd

 

Quali sono le più importanti novità della nuova legge che garantisce i diritti dei bambini nati da coppie non sposate?

Un’app per trovare il parco giochi più vicino a te!

parchi-gioco

Sei una neomamma che vuoi conoscere i parchi gioco del tuo quartiere tramite le recensioni delle altre mamme? Oppure stai programmando le vacanze e vuoi sapere se nei dintorni ci saranno parchi gioco per i tuoi figli?

Mary Franzoni, mamma di Reggio Emilia e grande viaggiatrice, ha creato un’app facile da usare e davvero utile: basta inserire una località e appariranno i parchi gioco presenti nella zona. Chi li inserisce e recensice? Naturalmente gli utenti! Chiunque può inserire i parchi gioco che conosce e segnalarli agli altri genitori!

L’app è collegata anche ad un blog: www.playgroundaroundthecorner.com

Frasi per la nascita

nascita

Quando nasce un bambino arrivano messaggi “da ogni fronte”: posta, email, whatsapp, facebook, twitter. Con l’utilizzo dei social la notizia di una nascita arriva a tutti in poche ore… anche ai tuoi compagni di classe che non vedi da una vita e non riconosceresti se li incontrassi per strada!
E così, in questo momento speciale della vita, ricevi tantissimi messaggi di auguri e di vicinanza, tra cui frasi e citazioni famose sull’esperienza dell’inizio della vita e sul ruolo di mamma.

Condivido le più belle che ho ricevuto e che possono essere utilizzate per fare gli auguri ad altre neomamme:

Eravamo figli e adesso siamo genitori. Sono passati tanti anni, ma così poco tempo, che a volte ci sorprendiamo nel cambio di ruolo. Improvvisamente guardiamo la nostra infanzia e i nostri genitori sotto una nuova luce. Guardiamo i nostri figli e ci domandiamo quale giorno, quale frase, quale avventura, rimarrà registrata nella loro memoria per sempre, quali dolori rimarranno inchiodati nella loro anima e quale allegria conserveranno come un tesoro. I giorni più felici di tuo figlio stanno per arrivare. Dipende da te.
Carlos Gonzales, Besame mucho

Possano le donne comprendere, sentire: “sono sua madre” e non “è mio figlio”. E tra le due frasi c’è un mondo e tutto l’avvenire del bambino. F. Leboyer

Il bambino chiama la mamma e domanda: “Da dove sono venuto? Dove mi hai raccolto?” La mamma ascolta, piange e sorride mentre stringe al petto il suo bambino. “Eri un desiderio dentro al cuore.” Tagore

Le verità che contano, i grandi principi, alla fine, restano sempre due o tre.
Sono quelli che ti ha insegnato tua madre da bambino.
Enzo Biagi

La parola più bella
sulle labbra del genere umano è “Madre”,
e la più bella invocazione è “Madre mia”.
E’ la fonte dell’amore, della misericordia,
della comprensione, del perdono.
Ogni cosa in natura parla della madre.
Kahlil Gibran

Infine una citazione di Gibran che amo molto e che è il mio augurio per tutte le neomamme:

I vostri figli non sono figli vostri… sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita.
Nascono per mezzo di voi, ma non da voi.
Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono.
Potete dar loro il vostro amore, ma non le vostre idee.
Potete dare una casa al loro corpo, ma non alla loro anima, perché la loro anima abita la casa dell’avvenire che voi non potete visitare nemmeno nei vostri sogni.
Potete sforzarvi di tenere il loro passo, ma non pretendere di renderli simili a voi, perchè la vita non torna indietro, né può fermarsi a ieri.
Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti.
L’Arciere mira al bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi tiene tesi con tutto il suoi vigore affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane.
Lasciatevi tendere con gioia nelle mani dell’Arciere, poiché egli ama in egual misura e le frecce che volano e l’arco che rimane saldo.
Kahlil Gibran

Fine primo tempo

Davide è nato il 5 maggio!

Fortissime emozioni, il rientro a casa, il vortice di cose nuove da fare e imparare, il conoscersi, i nuovi ritmi… siamo immersi in un mare di novità! Il tutto è in attesa di essere scritto… il blog attende. Intanto ogni giorno le esperienze e le sensazioni corrono all’impazzata…

Annuncio

Libri da leggere (o da regalare) in gravidanza per mamme

Libri-gravidanza

Leggere libri sulla gravidanza mentre si aspetta aiuta ad entrare con consapevolezza in un nuovo “mondo” di cui spesso si conoscono solo informazioni non approfondite. Se si cerca con Google (o se si sbircia nel reparto puericultura di una libreria o biblioteca) libri sulla gravidanza e sui neonati si scopre che in realtà ne esistono a centinaia, di cui gran parte recensiti molto bene.

Quindi quale scegliere, considerando anche che il tempo che avremo a disposizione per la lettura -tra sonnolenza dei primi mesi e stanchezza dell’ultimo trimestre- non sarà molto?

Io suggerisco di:

1) scegliere i libri che più si avvicinano a noi. Se un’enciclopedia sulla gravidanza ci spaventa solo a guardarla, è meglio optare per un libro che racconta i 9 mesi in modo ironico e divertente (sì, ci sono anche questi libri! 🙂 ); al contrario, se siamo alla ricerca di informazioni mediche, è inutile collezionare romanzi scritti da mamme in attesa che offrono altri tipi di consigli.

2) Fatevi consigliare da neomamme con cui condividete lo stesso approccio verso la gravidanza, per es. sul prediligere le filosofie di una gravidanza non molto “medicalizzata” e il più possibile naturale.

I libri che ho letto sono stati proprio scelti così, alcuni prestati/regalati da amiche. Sono tutti molto venduti e quindi facilmente trovabili anche nelle biblioteche cittadine.

Ecco la mia personale lista dei “magnifici 8”, nell’ordine in cui li ho letti: