Skip to content

Baby shower… a sorpresa!

BabyShower@Flickr by jleighjdesignz

E’ difficile ordinare e mettere in fila pure emozioni per raccontare una serata composta da stupore, felicità, meraviglia, eccitazione, euforia, gratitudine.

Ecco, inizio da qui. Questi sono stati gli elementi principali che hanno continuato a saltare all’impazzata dentro di me da un preciso momento…

Ultimo controllo preparto, visita dall’anestesista, e alla sera appuntamento con la cognata per un giretto. La sto aspettando seduta sul divano; dlin dlon, suona il campanello della porta di casa: dallo spioncino non riesco a vedere bene chi sia. Apro pian piano e… voilà che inizia la confusione!

Vedo, nell’ordine: il mio nipotino Giovanni, mia cognata, tutte le colleghe di lavoro…e poi ancora… amiche che vivono vicine e anche alcune lontane che avevo già salutato sicura di non rivederle più prima della nascita di Davide! Un serpentone di cui non vedo la fine di gente che entra in casa! E improvvisamente compaiono patatine, focacce, grissini, insalate, di tutto di più!

Ok, è una festa a sorpresa! Fin qui ci arrivo, ma non riesco a capire nulla di più! Pian piano mi spiegano che tutto il cibo era stato stipato in cantina dal mio compagno… è lui che ha organizzato questo emozionante baby shower a sorpresa!

Cena, risate, tanti consigli dalle amiche mamme, e poi ancora… il momento dell’apertura dei (tantissimi) regali che hanno portato per me e per i primi giorni di Davide, il taglio di una grande torta al cioccolato!

E’ stata una serata magica: le foto scattate terranno vivo il ricordo e il racconto di questi momenti. Le emozioni, limitate invece alle parole che si possono usare per descriverle, continueranno a rimanere libere dentro di me nella loro purezza, senza immagini né vocaboli che possano esprimerle.

Grazie, grazie, grazie a tutti!

baby_shower_amicheBaby Shower

E’ una festa, di origine americana, che viene organizzata in onore della futura mamma a circa un mese dal parto. Sono invitate le amiche e, in generale, tutte le donne vicine alla futura mamma, per trascorrere insieme un momento di festa ma anche di consigli per la sua nuova vita come madre.

Liebster Award

La settimana è iniziata con una bellissima sorpresa: Mamma in città ha vinto il Liebster Award!
Si tratta di un premio assegnato da blogger ad altri blogger con lo scopo di promuovere blog interessanti.

LiebsterAward

Ringrazio di cuore “Due volte mamma”  per avermi “passato il testimone” segnalando il mio blog e, come prevede il regolamento del premio, per avermi fatto questa breve intervista:

Qual è il luogo dove hai lasciato il cuore?
Senza dubbio è Kitanga, un piccolo villaggio in Uganda dove quasi 8 anni fa ho vissuto la mia prima esperienza di volontariato all’estero.
In quale paese vorresti vivere?
In nessuno in particolare. Mi piacerebbe invece essere “una cittadina del mondo” e riuscire a immergermi in quante più possibili culture del mondo.
Qual è la tua vacanza ideale?
Vacanza per me significa viaggiare per conoscere: zaino in spalla e all’avventura!
Il tuo piatto preferito?
Da buona italiana la pastasciutta; da buona piemontese la panissa, un risotto che è il piatto tipico di Vercelli.
Come ami passare i momenti di relax?
Leggendo (libri, articoli su internet, riviste).
Che lavoro ti piacerebbe fare?
Esattamente quello che sto facendo: lavorare nel mondo del nonprofit, dedicandomi ad attività che hanno obiettivi di valore, non di puro denaro.
Un rimpianto?
Non me ne viene in mente nessuno.
E un sogno che vorresti realizzare?
Fare il giro del mondo.
Qual è il tuo gruppo preferito?
I Coldplay.
Qual è il colore che più ti descrive?
Arancione: deciso, ma non aggressivo, e… solare!

Ecco i 10 blog di cui a mia volta propongo la nomina:

mammarketing.it
saimonphilips.blogspot.it 
vitadapapa.it
contofinoatre.it
ginabarilla.blogspot.it
kidpass.it/blog
iotifopervoi.it
principessecolorate.blogspot.it
escounattimo.blogspot.it
maternityleave.it

Le mie domande per i 10 blogger candidati:
Com’è nato il tuo blog?
Scrivere per te significa…
Qual è il tuo post a cui sei più affezionato/a?
Da dove trai ispirazione per scrivere i tuoi post?
Qual è il sottofondo musicale perfetto per scrivere i tuoi post?
Quanto tempo dedichi al tuo blog?
Come immagini il  “lettore tipo” dei tuoi post?
Qual è la prima persona a cui fai leggere un tuo nuovo post?
Chi è il tuo/a blogger preferito/a?
“Da grande” il tuo blog sarà…

Regole per accettare il premio:
Ringraziare e mettere il collegamento dell’autore del sito che ha assegnato il premio
Rispondere alle 10 domande poste da chi ci ha nominato
Nominare altri 10 blog (con meno di 200 seguaci)
Proporre ai nostri candidati 10 domande
Proporre ai blogger la nomina.

La maratona dell’inizio maternità

maternità

Lunedì

Le cose da fare e le persone da salutare: faccio un rapido elenco mentale mentre morsico svogliatamente la brioche di questa mattina. Solo ancora una settimana, sette giorni, e inizierà la mia maternità. Il peso della pancia in questi giorni si fa molto sentire, sono stanca. E’ un po’ come sistemare tutto prima delle 2 settimane di vacanze estive che si aspettano per “rigenerarsi”.

Martedì

Mi siedo alla scrivania trafelata dopo la mattinata al corso preparto. Congelo i pensieri su “epidurale, allattamento, pianti” e apro i file con il cronogramma dei lavori da portare a termine entro 4 giorni. I sorrisi attorno a me mi ricordano il countdown tra una carezza sulla pancia e un augurio. Ok, ce la farò a finire tutto! Mi sembra di mettere tutto a posto e salutare i vicini prima di un trasloco.

Mercoledì

Sono arrivata al lavoro presto. Si respira silenzio e tranquillità. Il mio cronogramma è colorato quasi tutto di verde. Davide mi dà un colpetto energico nella pancia: batti cinque, ce la stiamo facendo! Oggi pomeriggio andiamo a visitare le sale parto all’ospedale… sarà come andare a visitare gli studios in cui si è girato un film di cui si è sentita raccontare la trama, ma che non abbiamo mai visto.

Giovedì

Un ciuccio, un cuoricino, un biberon: i cupcakes che Benny ha preparato per la festa di oggi che ho organizzato al lavoro per salutare i colleghi sono bellissimi! Ho sempre immaginato di festeggiare così il mio ultimo giorno di lavoro: una pausa caffé collettiva in cui ringraziare tutti, dalle neomamme che mi hanno dato in questi mesi tantissimi consigli, alle non-ancora-mamme con cui ho condiviso lo stupore delle scoperte di questi mesi.

Oggi riprovo le stesse sensazioni dell’ultimo giorno di scuola: quel misto di felicità per godersi un meritato riposo e di consapevolezza che, quando rivedrò tutti i miei “compagni”, sarà tutto diverso perché l’estate in mezzo ci cambierà e, anche se sarò sempre io, la vita attorno a me sarà rivoluzionata.

E ora siamo io e te, caro Davide, ci stiamo preparando a incontrarci e a conoscerci. Come le vacanze estive, un trasloco, l’inizio di un film, l’ultimo giorno di scuola: con l’adrenalina della scoperta che non ci fa sentire la stanchezza e che rende dolci i preparativi. Sono pronta!

MammacheBlog – Social Family Day: le mamme blogger si incontrano a Milano!

Il mondo delle mamme blogger è composto da donne di tutte le età e di tutta Italia che, oltre a scrivere di loro, dei loro bimbi, delle loro città e condividere informazioni ed emozioni in rete, si presentano e si conoscono tra di loro: al mattino “partono” su twitter tanti “buongiorno”, al pomeriggio e alla sera corre sul web il tam tam di commenti ai post con i racconti della giornata.

Sono tutte curiose e usano il web non come “schermo” con la realtà, ma anzi, come amplificatore della rete sociale tra mamme.

Entrando nel mondo delle mamme blogger o come una nuova “una di loro” o semplicemente come utente si percepisce la loro voglia di conoscersi “dal vivo”.

Da qui è nata l’idea di creare un vero e proprio “raduno nazionale delle mamme blogger” che quest’anno si terrà a Milano venerdì 16 e sabato 17 maggio.

MammacheBlog – Social Family Day” non sarà solo una grande festa, ma anche un’occasione per approfondire temi di interesse comune su come gestire i propri blog. Sono infatti in programma lezioni con professionisti del settore organizzate da FattoreMamma (e dai miei concittadini Paolo Prestinari e Jolanda Restano).

Io spero di esserci… dipende da quando deciderà di nascere Davide! 😉 Altrimenti seguirò l’evento su #mammacheBlog!

mammacheblog
Chi si è già iscritta?

Per chi non l’ha ancora fatto qui trovate programma e info per aderire: www.mammacheblog.com/socialfamilyday

UNICEF incontra le mamme

SITO_Unicef_Ma_Incontri_MilanoUNICEF, comitato di Milano, e il portale MammeAcrobate hanno organizzato un ciclo di incontri gratuiti rivolti a mamme, ma anche ad educatori, papà, nonni.

Si parlerà de “I Diritti che crescono” in 5 incontri che si svolgeranno il sabato mattina nei mesi di aprile e maggio in via del Carmine 9, quartiere Brera di Milano. 5 appuntamenti per analizzare 5 diritti e 5 fasce d’età (dai neonati agli adolescenti). Per 3 di questi incontri sono previsti anche workshop per bambini e ragazzi.

“In cattedra” saliranno diversi psicologi, pedagogisti, counselor e scrittori per analizzare e dibattere sui diritti sanciti dalla Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

CALENDARIO INCONTRI

I incontro – 5 aprile 2014 (h 10-12)
Il legame mamma e bambino: il ruolo dell’allattamento
Maria Enrica Bettinelli – Responsabile SS Pediatria di Famiglia e progetti area materno infantile Asl Città di Milano
Barbara Siliquini – Fondatrice GenitoriChannel.it

II incontro – 12 aprile 2014 (h 10-12)
Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei
Patrizia Zerbi – Carthusia Edizioni
Emanuela Bussolati – scrittrice per l’infanzia
Maya Azzarà – Caseperbambini.it

E’ previsto anche un workshop per i bambini: “L’isola degli smemorati”, un laboratorio creativo che li accompagnerà alla scoperta dei diritti fondamentali dei bambini, insieme ai simpatici personaggi dell’omonimo libro di Bianca Pitzorno.

III incontro – 10 maggio 2014 (h 10-12)
Cose da femmine, cose da maschi: educare alla diversità contro gli stereotipi di genere
Maria Vittoria Colucci – consulente organizzativa e counselor Matrioska Group
Giuliana Laurita – mamma e blogger, www.giulianalaurita.com
Cristiano Callegari – papà blogger di Zioburp.net

Workshop per i bambini: “Principesse e principi oggi…”, un gioco-laboratorio di gruppo in cui i giocatori saranno chiamati riflettere su maschi e femmine, su somiglianze e differenze, e a collaborare dando libero sfogo alla fantasia per creare storie in cui sarà la parità di diritti a essere protagonista.

IV incontro – 17 maggio 2014 (h 10-12)
Imparare a Imparare: la scuola amica dei bambini
Chiara Zanetti – specialista educazione ai diritti UNICEF Italia
Errica Maggio – ideatrice di Compidù e professional counselor
Chiara Menozzi – professional counselor Skills
Elena Salomoni – fondatrice MammeInRadio.it

Workshop per i bambini: “Perché andare a scuola?”, un’attività che si pone l’obiettivo di farli ragionare sull’importanza di uno dei diritti fondamentali della Convenzione, provando a riflettere sulle strategie da mettere in atto per favorire la sua reale applicazione.

V incontro – 24 maggio 2014 (h 10-12)
Partecipo anche io! Prevenire e contrastare il bullismo
Nicola Iannacone – psicologo, Asl Città di Milano
Barbara Laura Alaimo – pedagogista, Straordinariamentenormale.it
Jolanda Restano – Fondatrice Filastrocche.it e Blogmamma.it

La partecipazione è gratuita ma  si richiede di prenotare la propria presenza scrivendo a info@mammeacrobate.com, specificando a quale incontro si desidera partecipare – è possibile iscriversi a l’intero ciclo o ai singoli incontri – e a quale sessione – bambini&adolescenti e/o adulti.

Sai cosa significa DOULA?

Fino a circa 2 anni fa la mia risposta a questa domanda era un convinto e spaesato “no”. Ne ho sentito parlare per la prima volta da una mia ex collega che aveva iniziato il percorso per diventare Doula. Ad una cena tra ex colleghe (tutte donne!), al suo annuncio di aver iniziato un corso per prepararsi ad essere “Doula”, si è stampato sulle facce di tutte noi un grandissimo punto interrogativo.

La Doula “in progress” allora ha iniziato a spiegarci il ruolo di questa figura il cui nome, in greco, significa “serva della madre”. Si tratta di una persona, adeguatamente formata, che accompagna la mamma durante la gravidanza e/o durante il parto e/o nel periodo post partum.

Doula-regalo

 Cosa fa una Doula?

In gravidanza: fa ascolto attivo della madre e/o della coppia, può dare informazioni sui servizi alla maternità offerti sul territorio; accompagna se richiesto la coppia alle visite e all’esecuzione degli esami; dà informazioni per scegliere il luogo dove partorire e i diversi professionisti coinvolti nel percorso nascita.

Nel travaglio e parto: accompagna e sostiene in modo continuativo la donna sia da un punto di vista emotivo che pratico e aiuta la coppia a concentrarsi e dedicarsi alla nascita del loro bambino.

Nel post-parto: accompagna i genitori nella scoperta del loro nuovo ruolo, sia affiancandoli nelle attività quotidiane di accudimento (es. il bagnetto) sia sostenendo la coppia ed affrontando insieme eventuali problematiche dovessero insorgere. Sostiene la mamma nel suo nuovo compito qualora si sentisse inadeguata attraverso l’ascolto attivo.

Keep-calm-doula

Quando sono rimasta incinta mi son subito venuti in mente i racconti della mia ex collega che, nel frattempo, è diventata Doula certificata ADI (Associazione di categoria Doule Italia) e sabato ho rincontrato durante una presentazione dell’Associazione presso il negozio di prodotti per l’infanzia Salina di Milano.

Ho fatto una chiacchierata con lei e questa volta non solo lei mi ha dato tante informazioni interessanti, ma anch’io le ho posto un po’ di domande da “quasi mamma”!

Grazie Ilaria!

Per informazioni:
www.douleitalia.it
Ilaria Pizzini – Doula post parto
Milano centro / Milano Sud
ilariapizzini@douleitalia.it
tel. 349 8365968