fbpx

Skip to content

Mamma in citta

Stoviglioteche: cosa sono, come funzionano e dove trovarle per le tue feste

Stoviglioteche (2)Le stoviglioteche sono la nuova modalità per realizzare feste senza usare stoviglie di plastica, per rispettare l’ambiente e sensibilizzare bambini e invitati sui problemi ambientali.
E se pensate che i servizi a favore dell’ambiente significano sforzi impegnativi e costi elevati, tenetevi forte: le stoviglioteche sono gratuite, funzionano come delle biblioteche per la condivisione dei libri, e tutto l’occorrente per la vostra festa sarà preparato da volontarie.

Campeggio in tenda con i bambini: gli indispensabili

Campeggio bambini1

Siamo una famiglia di neocampeggiatori: abbiamo scoperto e iniziato ad apprezzare questa tipologia di esperienza quando nostro figlio aveva 2 anni. Ci siamo avventurati per la prima volta con una mini tenda in un campeggio, senza attrezzature nè esperienza, e quelle 2 notti hanno esaltato mio figlio, felice non solo di dormire in una tenda, ma soprattutto di correre ed esplorare in un bosco, girare in libertà conoscendo altri bambini con cui giocare nella natura.
E anch’io dalla frase “Io in campeggio? Mai!” sono passata ad informarmi su campeggi, modelli di tende, oggetti utili da portare con sè: e voilà, weekend dopo weekend, prova dopo prova, quest’estate le nostre vacanze sono state 100% in tenda.

Inglese per i bambini: quello che i genitori non devono fare

Bambini-inglese

Imparare l’inglese da piccoli? Sì, è importante, e noi genitori lo sappiamo.
L’importanza non è solo per obiettivi futuri (avere maggiori possibilità di lavoro, viaggiare con facilità, poter confrontarsi e dialogare con persone che vivono in tutto il mondo), ma per necessità presenti: perché i bambini imparano una lingua molto più velocemente e facilmente di un adulto.
E anche questo lo sappiamo bene, a volte “sulla nostra pelle”: quanti di noi genitori con un inglese lacunoso da adulti hanno provato a recuperare lo studio della lingua? Quanta fatica!

I bambini iniziano a studiare l’inglese ormai dalla scuola primaria, ma ricerche autorevoli ci avvisano che il periodo in assoluto migliore per interiorizzare una lingua è quello pre-scolastico, quando la mente non ragiona ancora per categorie.

Ho quindi posto a Laura Raventos, direttrice della nuova scuola Kids&Us di Cagliari, alcune domande per capire meglio. Mi sono rivolta a lei perché le scuole Kids&Us hanno elaborato e già testato da anni nei centri di tutto il mondo un metodo efficace rivolto proprio ai bambini da 1 anno di età.

Teatro a Milano per bambini: luoghi, date, informazioni 2019-2020

Teatro bambini Milano

Andare a teatro con i bambini è un’esperienza arricchente: per i nostri figli e per noi genitori.
Alla domanda “Quando iniziare a portare i bambini a teatro?” la risposta esatta non esiste. Ci sono bambini che amano osservare, ascoltare, essere coinvolti fin da piccoli, altri che invece amano altre attività.
Tuttavia, anche nel secondo caso, è bene accompagnare i piccoli a nuovi stimoli, nuove situazioni e nuove esperienze importanti per la loro crescita.

Rappresentanti di classe: tutto quello che devi sapere

Rappresentanti scuola

Rappresentante di classe: ogni anno un genitore “si immola” per la classe a tirare le fila delle questioni tra i genitori, tra genitori e insegnanti, tra esigenze e desideri i più diversi tra loro. Votato dalla maggioranza dei genitori della classe, il più delle volte è semplicemente l’unico candidato che si propone per il ruolo annuale. Solitamente è una mamma o un papà particolarmente attivo, attento alle questioni scolastiche, con capacità di mediazione in caso di diatribe (che immancabilmente ci sono) e organizzatore di eventi (es. pizzata di fine anno, festa a scuola, etc.).

Stikets: etichette personalizzate con un click!

Etichette personalizzate

Quante cose ha perso tuo figlio a scuola, al centro estivo, a nuoto, a danza? Gli spogliatoi sono regni in cui confusione, fretta e innumerevoli zainetti in fila fan sì che magliette, scarpe, calze, borracce si “volatilizzino”.
E’ normale, perché la responsabilizzazione dei bambini verso se stessi e verso e le loro cose è un processo graduale (e diciamo la verità, forse mai completo… anche noi adulti perdiamo spesso le nostre cose, pur essendo cresciuti!).